Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Speciale amministrative 2019
Perugia e una regione ormai contendibile
, May 15, 2019

In Umbria il clima politico continua a essere avvelenato. Dopo gli effetti politici delle indagini giudiziarie che hanno condotto alla decapitazione dei vertici regionali del Partito democratico e agli arresti domiciliari dei massimi dirigenti dell’assessorato alla sanità e dell’ospedale di Perugia, il 7 maggio l’Assemblea legislativa regionale

Speciale amministrative 2019
Firenze, alla rincorsa del sindaco uscente
, May 14, 2019

E se Firenze diventasse il Piave del Pd? Se il momento d'oro della Lega finisse qui, in riva all'Arno? “Firenze sarà la battaglia delle battaglie, ma Nardella vincerà e sarà la nostra riscossa”, andava dicendo ancora qualche mese fa l’ex premier Matteo Renzi ai suoi. E i renziani, che a Firenze possono contare sull'ultimo vero bunker d’Italia, ancora credono davvero possibile il colpaccio al primo turno: “Qui non vedo tutta questa forza della Lega. E vedremo quante volte verrà Salvini”, 

Speciale amministrative 2019
Bari, partita decisiva per la Puglia
, May 14, 2019

Sei candidati sindaci e 24 liste di sostegno, il grosso (20 formazioni) concentrato sulle due figure principali della competizione per il rinnovo dell’amministrazione comunale di Bari: il sindaco uscente Antonio Decaro (Pd), presidente dell’Anci, e lo sfidante Pasquale Di Rella, centrodestra, con un passato nel centrosinistra e nel Pd

Speciale amministrative 2019
Bergamo, la fuga dei candidati
, May 13, 2019

Dino Nikpalj, una delle firme di punta del principale quotidiano bergamasco, a meno di un mese dal voto ha descritto la campagna elettorale per l’elezione del sindaco di Bergamo nei termini di una “fuga dei candidati”. Solo 4 sono infatti gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino, sostenuti da 11 liste che raccolgono in totale 334 candidati consiglieri.

Speciale amministrative 2019
Cesena, la svolta epocale
, May 13, 2019

Comunque vada, per Cesena sarà una svolta epocale: la fine dell'egemonia del Pd dopo il doppio mandato di Paolo Lucchi, piglio manageriale e presa ferrea sul partito, un cursus honorum vecchio stile dalla segreteria del Pci alla direzione di Confesercenti passando per il Consiglio regionale.