Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Rischi da evitare nel governo dell’emergenza

immagine L’emergenza sta cambiando insieme alle nostre abitudini di vita le tecniche di comando dei Governi e delle amministrazioni pubbliche. Per questo può ritenersi pienamente giustificabile che un Governo come il nostro per affrontare una situazione eccezionale quale quella determinata dalla pandemia usi il ricorso a strumenti eccezionali quali sono i Decreti-legge e i Decreti del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm)  strumenti che peraltro trovano la loro legittimazione sia nella Costituzione (come i Decreti legge) sia nella legge ordinaria (come i Dpcm). Tutto questo risponde a un “diritto dell’emergenza” che di per sé non mette a rischio né l’impianto costituzionale né il sistema delle nostre libertà, ma a una condizione precisa: che lo strumento eccezionale sia utilizzato solo per una sospensione temporanea della regola e cioè con misura, equilibrio e proporzionalità rispetto alla emergenza che si deve affrontare. Si può dire che questo principio sia stato puntualmente rispettato con riferimento alla ventina di Decreti legge e Dpcm che il nostro Governo ha adottato a partire dall’inizio della pandemia nell’arco degli ultimi nove mesi? I dubbi nascono in relazione a due aspetti su cui, senza indulgere in critiche radicali, è giusto richiamare l’attenzione di chi oggi, in una congiuntura particolarmente complessa, si trova a svolgere il difficile compito di tenere in mano il timore del Paese. [...]

 

lettere internazionali

Le elezioni del
Senato in Usa

A proposito delle prossime elezioni americane i nostri media ci dicono poco su come sta andando la contesa per il rinnovamento di tutta la Camera dei Rappresentanti e dei 35 posti (cioè un terzo) del Senato. Trump è una manna per i media: [...]

Parigi
26/10/2020

Il couvre-feu francese. Da giovedì 22 ottobre sono oltre 40 milioni le persone che in Francia vivono in coprifuoco: 54 dipartimenti nei quali, dalle 21 alle 6, non si può uscire di casa. La misura, adottata inizialmente il 16 aprile, [...]
 

memoria / memorie

Aldo Zargani (1933-2020)

«L’infanzia di tutti è una specie di cannocchiale collegato a un microscopio, ma il mio strumento esplora la notte della Shoah, lo sterminio hitleriano, la catastrofe di quando ero bambino, i tempi lontani in cui si perse nel nulla e senza motivo l’esistenza di tante persone amate». Ho conosciuto Aldo Zargani in occasione dell’uscita del suo primo libro, Per violino solo, da cui queste parole sono tratte, e da allora non l’ho più perduto. [...]

a scuola

La scuola un mese dopo la ripartenza

La verità è che non vedevamo l’ora di tornare in classe. Il primo giorno di scuola ci avrebbe riportato a una dimensione concreta, quotidiana, vera. Ci saremmo finalmente ritrovati davanti agli studenti, senza schermi a dividerci [...]

Universi-DaD

[Gli accademici italiani e la didattica a distanza durante l’emergenza Covid-19 ] Il 9 marzo un decreto del presidente del Consiglio dei ministri ha sospeso le lezioni in tutte le università italiane, dando loro però la possibilità di svolgere “attività formative a distanza”. Meno di una settimana dopo, quasi i tre quarti dei professori era già transitata nelle aule virtuali, [...]

in libreria

Vita e opere di Adriana Zarri

Adriana Zarri ha saputo conciliare una profonda tensione spirituale con la partecipazione appassionata al rinnovamento cattolico e alle grandi battaglie sociali della seconda metà del Novecento. Questo libro di Mariangela Maraviglia ne ricostruisce per la prima volta la biografia [...]

calendario civile

13 ottobre 1997

[Pop politica: il risotto di D'Alema a “Porta a Porta”] Non dovrebbe essere un anniversario degno di particolare memoria, avvezzi come siamo alla politica-spettacolo sguaiata attuale, dove anche i grandi attori di ieri apparirebbero oggi come impacciati debuttanti [...]

culture

Un'idea di Paese

Il commento di Rossella Ghigi comparso su questo sito a noi, promotrici dell’iniziativa "Il Giusto Mezzo", è parso lucido e sensato, assolutamente in linea con le intenzioni dell’iniziativa. Abbiamo sentito però la voglia di replicare al suo invito a chiarire alcuni passaggi. [...]

Non c'è mela senza torsolo

È una mezza mela il logo scelto per la lettera aperta che una rappresentanza di associazioni e alcune donne della società civile hanno indirizzato al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al suo governo il 2 ottobre scorso. L'iniziativa, lanciata sul sito ilgiustomezzo.it, ha raccolto nel giro di pochi giorni più di 27 mila sottoscrizioni [...]

cartoline dall'Italia

La resistibile ascesa dello Zaismo

[Cartolina dal Veneto] Carlo Cunegato scrive in questi giorni in un suo post: "Cosa è successo ad Asiago? [Poco tempo fa] due manifestazioni partecipate da migliaia di persone contro la chiusura dei reparti dell’ospedale. Come è noto, o dovrebbe, la sanità è gestita dalla regione, quindi da Zaia. Ecco, ad Asiago Zaia prende l’83,88%, a Gallio, dove qualche giorno fa una donna ha partorito in casa, arriviamo addirittura al 89,4%". Come non partire da osservazioni come questa per capire la faglia storica a cui stiamo assistendo? [...]

in Europa

Uniti da un destino comune

[Sindacati e governance economica europea oltre le divisioni Nord-Sud] L’ultima crisi economica di portata europea che ha preceduto quella innescata dall’emergenza Covid-19 – la cosiddetta “crisi del debito sovrano” del 2010-2012 – ha avuto in Europa pesanti ricadute sociali e politiche [...]

fedi e mondo

Fratelli tutti

Ci sono testi che si impongono per la loro novità, lasciando assaporare il gusto di parole e pensieri che portano con sé la freschezza della prima volta. Diverso è il registro della nuova enciclica di papa Francesco, Fratelli tutti, [...]

profilo

Pietro Chiodi

[A cinquant'anni dalla morte di un filosofo partigiano] «Si è dedicato alla filosofia per la stessa ragione per la quale, durante la lotta di Resistenza, fu partigiano combattente: per difendere la libertà e la dignità dell’uomo [...]

Alexandre Kojève

[Dal numero 4/20] Ci sono vite di un’umile classicità conferita dal tempo. Altre sono vissute già perfette. Svolazzanti e sinuose, sottratte dal dominio del normale. E per natura votate a far discutere.È il caso di quella di Alexandre Kojève, [...]