Rivista il mulino

Content Section

Central Section

La piazza contesa

immagine Chi venerdì è transitato dal centro storico di Bologna non ha potuto non accorgersene. I mezzi e gli agenti delle Forze dell’ordine non si potevano ignorare. Il giorno prima il prefetto Matteo Piantedosi aveva cercato di rassicurare tutti: “In città non c’è un clima pesante e tutti potranno esprimersi liberamente in campagna elettorale”. A Forza Nuova, formazione politica in lizza alle elezioni del 4 marzo, era stata assegnata la centralissima piazza Galvani per un comizio. Sappiamo com’è andata. Nel primo pomeriggio un gruppo di persone ha tentato di occupare la piazza per renderla indisponibile al raduno neofascista previsto per le sette e mezza di sera, ma è stato subito sgomberato con decisione dalla polizia. Successivamente, poco distante, si sono formati due assembramenti: uno in piazza Nettuno (più istituzionale), ai piedi del sacrario ai caduti; un altro un po’ più in là, all’angolo tra piazza Maggiore e via dell’Archiginnasio, inizialmente composto da un centinaio di persone. I collegamenti tra la piazza data in gestione a Forza Nuova e gli altri due gruppi sono stati resi impossibili dalle Forze dell’ordine, che hanno installato cancellate e si sono schierate militarmente. Il contatto tra chi manifestava contro il comizio di Forza Nuova e la polizia alla fine c’è comunque stato, con alcuni contusi manganellati tra i primi, inclusa una giornalista, e qualche poliziotto uscito malconcio dagli scontri. [...]

 

lettere internazionali

Harare
16/2/2018

Lo Zimbabwe dopo l’allontanamento di Mugabe e la morte di Tsvangirai. Due mesi dopo l’uscita di scena di Robert Mugabe, costretto alle dimissioni dall’esercito nel novembre scorso, Morgan Tsvangirai, lo storico leader dell’opposizione in Zimbabwe, è venuto a mancare [...]

PyeongChang
6/2/2018

[Ai Giochi olimpici invernali andrà la squadra coreana unificata] Il potere dello sport. Il 9 febbraio gli atleti rappresentanti la Repubblica di Corea e la Repubblica Popolare Democratica di Corea chiuderanno la sfilata della cerimonia d’inaugurazione della XXIII edizione dei Giochi olimpici invernali a PyeongChang, marciando insieme dietro alla bandiera della Corea unificata. [...]
 

il caso italiano

Il voto del 4 marzo

[Una video-conversazione con Paolo Pombeni] La nuova legge elettorale è fin troppo complicata, inutile girarci intorno. Abbiamo chiesto a Paolo Pombeni di raccontarne, in sintesi, alcuni aspetti: dall'impossibilità del voto disgiunto ai meccanismi differenti di conteggio dei voti per la Camera e il Senato, dalla differenza tra collegi uninominali e plurinominali all'atto pratico del voto.  [...]

in libreria

Lo sparo nella notte

All’una della notte fra il 4 e il 5 settembre 2014 un ragazzo di 16 anni, Davide Bifolco, muore con un colpo di pistola al petto. Sarebbe già abbastanza, ma la cosa è ancora più grave: [...]

culture

Le parole e la storia

Vi sono momenti in cui il dibattito pubblico sulle parole nasconde un problema di contenuti che si fa fatica a fare emergere e ad affrontare con serietà. In questi giorni abbiamo almeno tre esempi diversi, che dovrebbero costringerci a riflettere e non solo farci “prendere posizione”. Due di questi riguardano casa nostra: la parola “razza”, secondo alcuni da abolire anche nella nostra Costituzione; e l’attribuzione del termine “terrorismo” alla violenta azione di Macerata di un neofascista-leghista contro inermi cittadini di colore.  [...]

Strumentalizzare e dimenticare

[La vicenda che ha portato alla mancata approvazione di una nuova legge sulla cittadinanza è un perfetto esempio di politica italiana contemporanea] Strumentalizzazione e amnesia svolgono un ruolo politico evidente. I fatti di Macerata hanno dato spunto alla impraticabile promessa di rispedire a casa 600.000 irregolari. Amnesia fa rima con amnistia: Berlusconi, autore della promessa acchiappavoti, nel 2002 fece la più vasta sanatoria italiana, e la Lega era in quel governo. [...]

a scuola

I frutti avvelenati del marketing scolastico

“Non posso dunque che stigmatizzare il linguaggio utilizzato da alcune istituzioni scolastiche, e riportato dalla stampa nella compilazione del Rapporto di autovalutazione (Rav), uno strumento di trasparenza che viene pubblicato […] sul portale ‘Scuola in chiaro’ per fornire alle famiglie e a chi si iscrive elementi di conoscenza […] [...]

memoria / memorie

Riscrivere la storia

[L'eredità della Seconda guerra mondiale nella ex Jugoslavia ] Nei giorni scorsi la polemica intorno a una mostra inaugurata presso le Nazioni Unite intitolata “Jasenovac – il diritto a non dimenticare”, dedicata al campo di concentramento di Jasenovac, ha riportato sulla scena politica le vicende di un passato terribile e controverso, che ancora divide le due ex Repubbliche jugoslave. [...]

La memoria dei beni razziati

[La Shoah fu anche un enorme affare economico, che portò sollievo ai conti della Germania nazista] L’annientamento degli ebrei d’Europa da parte nazista fu, per molti aspetti, anche un affare economico. In Germania, l’esproprio delle loro case garantì il ricollocamento di diversi cittadini tedeschi, i loro posti di lavoro vennero occupati da altri, le loro aziende furono statalizzate o vendute al miglior offerente. [...]

understanding Italy

Italian Politics and the Catholic Church

[After five years of Francis] The elections of the new Parliament in Italy (March 4) take place this year around the fifth anniversary of the election of Pope Francis. It is not just a coincidence, but a reminder of a particular situation in Italy between February and March 2013: [...]

Italy and Europe "now"

In a fresh effort to shore up his Democratic Party’s faltering position in the opinion polls less than 2 months before the March general election, Matteo Renzi has now decided to play the “Europe” card. In a specially-convened “mini-convention” in Milan, the former Prime Minister called on his party’s Europarliamentarians to follow the example of Emmanuel Macron in France and Martin Schulz in Germany, [...]

A Portrait in Uncertainty

[The March 2018 Parliamentary Election in Italy] On March 4, 2018 Italian voters will go the polls to elect both chambers of its national Parliament. Many observers expect the outcome to be a hung Parliament, with no party or group of parties capable of expressing a majority and therefore supporting a government. [...]

in Europa

Un secondo referendum sulla Brexit?

La possibilità di chiamare gli elettori alle urne per un secondo voto sul recesso dall’Unione europea era stata paventata già all'indomani del 23 giugno 2016, quando più di 4 milioni di cittadini avevano sottoscritto una petizione al Parlamento in cui chiedevano la convocazione di un secondo referendum [...]

fedi e mondo

«Universitas»: casa comune di tutti

C’è qualcosa nel ministero petrino di Francesco che, per la sua stessa natura, è difficile da delineare a parole. Qualcosa che segna una sorta di rottura o scarto: le cose non stanno più come prima, e di questo riusciamo ad accorgercene in molti. Non si tratta tanto di contenuti, ma di stile d’esercizio del proprio ministero [...]

profilo

Gustaw Herling

[Dal numero 5/17] Non so se facesse la sua passeggiata quotidiana anche prima; prima che gli venisse un infarto e che il medico gli vietasse di andare a Parigi, come faceva regolarmente ogni due mesi. La passeggiata lungo via Caracciolo doveva farla perché il cuore ne traeva giovamento, ma forse era anche un modo per mimare il suo allontanamento da casa [...]