Rivista il mulino

Content Section

Central Section

REDDITO DI CITTADINANZA
1 2 »<
Enrica Morlicchio, 22 September 2020

Ricordate il personaggio di Andy Capp, il disoccupato perennemente sdraiato sul divano di casa creato da Reg Smythe negli anni Cinquanta, reso popolare in Italia dalle strisce pubblicate sulla “Settimana Enigmistica”? La sua indole pigra faceva simpatia a tutti perché a farne le spese era soprattutto la moglie Flo e non il contribuente.

Non sappiamo se Luigi Di Maio e il suo partito, nel definire “antidivano” le norme che stabilivano la condizionalità per ricevere il Rdc, si sia ispirato a questo personaggio

[...]
L'emergenza sanitaria fa emergere nuove povertà: come contrastarle?
Enrica Morlicchio, Chiara Saraceno, 08 April 2020

L’emergenza in atto ha portato alla luce in modo drammatico le difficoltà che il sistema di Welfare italiano incontra sia nel proteggere davvero tutti i tipi di lavoratori dalla perdita, o riduzione, del lavoro e relativo reddito, sia nell’elaborare forme di protezione innovative per le nuove figure sociali che si trovano ad affrontare i cosiddetti “nuovi rischi”

[...]
Dal numero 1/20
Enrica Morlicchio, Enrico Pugliese, Marcello Anselmo, 19 March 2020

Quando, all’inizio del Novecento, lo studioso inglese Seebohm Rowntree elaborò il suo metodo di calcolo del “minimo vitale”, uno dei primi esempi di rilevazione empirica della povertà, incluse tra i bisogni da garantire anche quello di comprare “bambole, biglie o dolciumi” ai bambini e “vestiti graziosi” alla moglie

[...]
Nulla bisogna avere senza sacrifici e senza mostrare meritevolezza ai gratuiti censori
Enrica Morlicchio, Enrico Pugliese, 16 December 2019

Quando, all’inizio del Novecento, lo studioso inglese Seebohm Rowntree elaborò il suo metodo di calcolo del “minimo vitale”, uno dei primi esempi di rilevazione empirica della povertà, incluse tra i bisogni che andavano garantiti anche quello di comprare “bambole, biglie o dolciumi” ai bambini e “vestiti graziosi” alla moglie, di concedersi uno svago come consumare una birra al pub o prendere parte a un concerto popolare, di pagare le spese postali per inviare una lettera ai parenti lontani.

[...]
Valerio De Stefano, 11 December 2019

Qualche mese fa hanno fatto scalpore alcune dichiarazioni di Carlo Calenda sul lavoro. “Una delle più grandi cazzate che abbiamo raccontato –  secondo l’ex ministro – è che non si salvano i posti di lavoro, ma si salva il lavoro. Per cui pensiamo che un operaio di cinquant’anni che ha passato la vita a fare impianti può andare a lavorare nell’economia delle app. Queste cazzate le abbiamo sostenute, io le ho sostenute, per 30 anni”.

[...]
1 2 »<