Rivista il mulino

Content Section

Central Section

CRISI
« 3 4 5 6 7 »<
Gianfranco Viesti, 16 November 2016

Il Mezzogiorno di oggi merita una riflessione profonda, e un’azione politica di sviluppo determinata, di lunga lena. Un’attenzione, cioè, che vada al di là del piccolo dato o

[...]
sì/no: un voto decisivo
Michele Salvati, 09 November 2016

Da molto tempo il nostro Paese non riesce a trovare un assetto politico capace di affrontare i principali problemi economici che lo affliggono. Dopo alcuni anni di politica

[...]
Francesca Bianchi, 22 April 2016

Da tempo si levano forti critiche al modello di sviluppo capitalistico. Complice anche la crisi economica, individui e gruppi sociali sembrano muoversi alla ricerca di modalità alternative di vita.

[...]
Sempre più giovani faticano a rendersi autonomi dalla famiglia, non solo in Italia
Luisa Leonini, 21 March 2016

È ben noto in Italia il fenomeno dei giovani che vivono in famiglia: sono i due terzi del totale delle persone nella fascia tra i 18 e i 34 anni a fronte del 34,2% dei francesi, del 42,3% dei tedeschi e del 34,2% degli inglesi. In Italia la percentuale dei giovani che non riesce a lasciare la famiglia di origine è alta anche nella fascia di età più «adulta». Quasi un giovane su due tra i 25 e i 34 anni (il 49,4%), infatti, vive con almeno un genitore (in aumento di quasi cinque punti sul 2008) a fronte del 28,8% nell’Ue a 28 e dell’1,4% dei danesi (11,3% dei francesi e 16,8% dei tedeschi mentre gli inglesi sono appena il 13,8%). Tendiamo spesso a pensare a questo fenomeno come tipicamente ed esclusivamente italico o mediterraneo. In realtà la crisi economica del 2008 ha contribuito ad accrescere questi comportamenti in paesi che tradizionalmente conoscevano una rapida e precoce uscita e autonomizzazione dalla famiglia d’origine. In particolare è importante osservare come questo cambiamento abbia conosciuto una forte crescita durante la crisi economica che ha caratterizzato il periodo dal 2008 in poi in Paesi quali gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

[...]
Governo Renzi e investimenti per il lungo periodo
Maurizio Ferrera, 18 March 2016

Non passa giorno senza che qualche statistica internazionale metta in luce il ritardo italiano in settori cruciali per il nostro futuro. In una società ferma sul piano demografico e sociale, con un’economia poco competitiva e un settore pubblico che per decenni ha trasferito risorse «al contrario»

[...]
« 3 4 5 6 7 »<