Rivista il mulino

GUERRA
« 6 7 8
Piero Ignazi, 07 June 2010

L’assalto e l’uccisione di nove militanti turchi della flottiglia umanitaria diretta a Gaza da parte delle forze armate israeliane rappresenta un caso classico della sindrome di Stranamore. La coalizione di destra di Benjamin Netanyahu ha seguito la sua naturale inclinazione a risolvere con la forza bruta ogni conflitto, confidando soltanto nella superiorità militare. Diplomazia, compromesso, politica, sono parole espunte dal suo vocabolario. Con questa azione sconsiderata il governo non solo ha provocato proteste in tutte le democrazie occidentali ma ha anche incrinato definitivamente i rapporti con la Turchia, unico Paese della regione con il quale vi erano rapporti amichevoli.

[...]
Roberto Escobar, 13 July 2009
To’, chi si rivede, la Bomba. Il 6 luglio, come molti loro predecessori, Barack Obama e Dmitrij Anatol'evič Medvedev hanno riprovato a concordare la riduzione degli arsenali atomici. Insieme, Usa e Russia custodiscono il 90 percento della potenza di morte della Bomba. Ancora vent’anni fa lo si scriveva proprio in questo modo, con la maiuscola, il nome del fantasma che è stato la nostra paura più grande. L’arma fine di mondo: così la chiamava lo scienziato pazzo di Il dottor Stranamore. Ma a quel fantasma avevamo finito per abituarci, come se la fine di mondo fosse solo una possibilità teorica, e in ogni caso lontana.
[...]
« 6 7 8