Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
16 marzo @Torino - presentazione di «Egemonia vulnerabile»
rubrica
  • news

«"Dobbiamo convincere il mondo che un’egemonia tedesca in Europa agisce in modo più utile, imparziale e meno dannoso per la libertà che un’egemonia di altri": così scriveva Otto von Bismarck. Per il "cancelliere di ferro" si trattava di un’egemonia consapevole della forza e dei limiti della "potenza di centro" tedesca e quindi della sua vulnerabilità. Oggi naturalmente la Germania agisce in un contesto storico e politico inconfrontabile con quello bismarckiano, innanzi tutto per l’esistenza dell’Unione europea di cui è parte integrante e insostituibile. Ma proprio nel corso dell’attuale crisi economico-finanziaria si è delineata una nuova (sia pur controversa) egemonia tedesca. Di nuovo una "sindrome Bismarck"? La crisi dei rifugiati rischia di portare l’Unione verso la paralisi decisionale e di far perdere a Berlino la capacità di svolgere il suo ruolo di orientamento. "Tutto quello che facciamo in Europa è infinitamente faticoso" dice Angela Merkel. Ancora una volta la Germania si trova a fare i conti con la vulnerabilità della sua egemonia.»

Alla Sala Conferenze di Palazzo San Celso, Polo del ‘900, Corso Valdocco 4/a, alle ore 18, l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini organizza l’incontro con Gian Enrico Rusconi sul suo volume Egemonia vulnerabile. La Germania e la sindrome Bismarck (il Muloino, 2016)Marco Brunazzi  dialoga con l’autore. Presenta Marco Novarino.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI