Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Di Matteo Renzi, ovvero del moderatismo generico che coesiste con un forte espressionismo comunicativo
Democristiano, e molto ambizioso
rubrica
  • Identità italiana

Sia chiaro: ‘democristiano’ non può e non vuole essere una connotazione negativa; designa semmai il moderatismo politico unito a un perfetto know how di potere. Né ambizioso può valere come insulto – se non, ipocritamente, in bocca ad Antonio nel Giulio Cesare –, ché anzi l’ambizione personale è il sale della politica; piuttosto, si vuole  sottolineare che se Matteo Renzi ha molto sale (non è sciocco, come si dice dalle sue parti), non è ancora chiaro quale pietanza ne sia insaporita. Quale piatto, insomma, si appresta a servirci il nuovo aspirante capo-cuoco, pur bravo maneggiatore di spezie. La sua indeterminatezza è tanto affascinante quanto ambigua, e non ha in sé alcuna caratteristica ascrivibile alla sinistra, comunque questa possa essere declinata. Eppoi, Renzi non è neppure un moderato per scelta – come invece è Letta –; lo è per necessità, perché vuole parlare a una platea così vasta da essere costretto a lanciare messaggi indeterminati e generici, messaggi in cui la forma prevale di gran lunga sul contenuto. La forma è l’entusiasmo e lo sdegno, con un po’ di vittimismo e molta sfrontatezza; è l’acuto che strappa l’applauso, è la mossa che ammicca e conquista, il luccichio dello slogan furbetto. Il contenuto è: il cambiamento è necessario, e io sono il cambiamento; le vecchie oligarchie, le vecchie correnti, hanno fallito e stanno distruggendo l’Italia con la loro incapacità politica, mentre la soluzione sono io, con la mia corrente che è una non-corrente perché le sostituirà tutte. E non per un conflitto di idee, perché le mie idee sono più forti; sì, perché io sono più forte, perché ho dalla mia la giovinezza (è vero, beato lui), la novità (non è vero, ma non importa), e ho i voti perché ho fatto innamorare mezza Italia dicendo agli italiani quello che vogliono sentirsi dire (è vero, soprattutto dopo i silenzi e i vaneggiamenti dei  vecchi oligarchi, dalle cui parole e dalle cui azioni gli italiani si sono sentiti respinti, rifiutati). Il moderatismo generico coesiste con un forte espressionismo comunicativo.

Insomma, abbiamo un leader carismatico, che, come tutti quelli come lui, esprime discontinuità, e presenta come prima proposta politica se stesso, la propria novità, la propria sintonia con i ‘nostri’; e la propria ostilità a ‘loro’, i vecchi, i traditori (in questo caso, del Pd, che ‘loro’ hanno sequestrato e che ‘lui’ restituirà al popolo, suo legittimo proprietario; ma forse il concetto va esteso a tutta l’Italia, che attraverso lui viene restituita a se stessa). In certe circostanze, i leader carismatici si propongono come lo strumento di un’Idea che grazie a loro si afferma nella Storia; in questo caso l’Idea coincide con il leader stesso: non c’è nessuno che voti Renzi per adesione al pallido blairismo un po’ vintage di cui è portatore; chi lo vota vuole proprio lui come persona, perché cacci gli altri, perché rivolti il partito come un calzino e ne faccia una macchina di consenso a disposizione del leader. 

Non vi è dubbio che questa avventura personale sorretta da un entusiasmo collettivo faccia di Renzi un prodotto estremo della personalizzazione della politica, che è seguita al partito-apparato; e che la sua sia una forma avanzata di politica-spettacolo, di democrazia del pubblico, di trasformazione della partecipazione in acclamazione (per il popolo) e in séguito (per i gruppi dirigenti). E non v’è dubbio che in questo essere indeterminato e battagliero al contempo, il sindaco esprima un forte contenuto politico in senso proprio, manifesti cioè un’energia e un entusiasmo che hanno il sapore della speranza e della vittoria. E che quindi, infine, sia un prodotto dell’evoluzione storica adatto a un ambiente, la politica italiana, che per catturare il voto di cittadini sempre più distratti e ostili, e ridotti a ‘pubblico’ sta producendo solo leader populistici e demagogici – Grillo e Berlusconi, rispetto ai quali Renzi è certamente più in sintonia con le esigenze qualitative della democrazia costituzionale.

Con queste caratteristiche, Renzi si candida a vincere, a prendersi il partito e l’Italia; un popolo stanco e deluso vorrà provare anche questa novità, questa emozione. E poiché è in odore di vittoria, è sempre più popolare: per carrierismo, o per cinismo, o per poterlo poi condizionare e indirizzare, o per rabbia verso chi incarna un passato di sconfitte e di delusioni, o per sincera adesione allo Spirito del tempo, sarà votato e forse vincerà se il congressone ci sarà, e forse anche le elezioni anticipate, quando si terranno. La distinzione, che gli avversari gli offrono, fra leader di partito e leader della coalizione sarà da lui rifiutata come ridicola: l’essere leader di partito gli serve per vincere le elezioni – dato che il partito non serve ad altro, e che se lascia il partito a Cuperlo poi gli potrebbe toccare di lasciare Palazzo Chigi a Letta.

L’alternativa, che cioè il partito è una struttura complessa e articolata, che organizza una parte della società (non un tutto indistinto), che analizza questioni, compone o confronta interessi, elabora proposte, entra in dialettica col governo, l’alternativa di un partito che ri-civilizza la società, resa incivile dalla frammentazione  atomistica del neoliberismo e dal ventennio neo-corporativo di Berlusconi, e che è al contempo una forza che bilancia altri poteri, altrimenti sempre vincenti, e  una struttura capace di analizzare le contraddizioni sociali, di elaborare progetti di sviluppo umano, di favorire la partecipazione a un destino comune di emancipazione e di progresso; questa alternativa, lunga complessa e responsabile, è scartata a priori. Una macchina da guerra fa la guerra, non intraprende la lunga marcia che oggi sarebbe necessaria per rifare la politica e l’Italia; la semplificazione del blitz, e non la fatica del concetto e della partecipazione, la superficialità e non la radicalità, sono l’arma segreta (ma non tanto) di Renzi – insieme al diffuso disprezzo per l’attuale ceto politico. Chi lo vota perché vuole finalmente vincere sta combattendo Berlusconi con dosi omeopatiche (piccole, in verità) di berlusconismo; lo sa, ma il sapore della vittoria è irresistibile.

Ma nulla sta scritto, come diceva Lawrence d’Arabia. Potrebbe  anche accadere – anche se ora non pare probabile – che chi non riesce a riconoscersi in Renzi riesca a unirsi, a riconoscere i propri errori; che insomma il vero cambiamento sarebbe uscire dallo spettacolo e dalla propaganda; che sarebbe cioè fare della politica non l’espressione della rabbia o della passione, ma un agire collettivo e collegiale che passa attraverso un partito certamente del tutto rinnovato, ma non trasformato nella piattaforma per il successo di un leader, sì nello spazio in cui la politica è ancora affare di molti, e non di pochi o di uno soltanto.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
maria teresa scorzoni, 09-09-2013, 18:29
Io non so assolutamente più cosa vuol dire essere di sinistra. tramontato il marxismo ho l'impressione che la sinistra attinga a tutte le culture (fuorché alla propria?): un po' di cristianesimo qui, qui un po' di liberalismo là. Magari la complessità del mondo, e non da oggi, richiede più categorie interpretative, ma questo polpettone a me, personalmente, rimane indigesto. Non credo che Renzi sia in grado di farsi portavoce e interprete di questa complessità, ma non vedo altri grandi teorici e politici all'orizzonte, nemmeno fra gli intellettuali e i professori che dovrebbero fornire l'humus culturale e indicare nuovi orizzonti di senso alla politica. La crisi è nera e se renzi fa vincere la sinistra o quel che rimane di quest'area è già un miracolo. Tutto il resto è noia.
Ps: o meglio, c'è sempre Grillo
Andrea Chiari, 07-09-2013, 22:54

A proposito di candidati "de sinistra" ho ascoltato Cuperlo su Radio Radicale. Ha detto cose belle e nobili. E' partito dalla spiaggia di Pachino dove i bagnanti hanno soccorso gli immigrati in naufragio e ha proseguito il suo cammino sul bagnasciuga elencando valori e virtù civiche e morali come risposta alle crudeltà del mercato. Il problema è che noi del Pd siamo già per natura buoni e condividiamo questi virtuosi propositi di solidarietà, giustizia sociale, apertura al mondo e alle culture. Se fossimo cattivi voteremmo Berlusconi o la lega. Le zuccherose omelie dei nostri dirigenti sono un poco inutili, le ascoltiamo con rassegnata condivisione perchè fa sempre piacere raccontarci fra noi buoni proponimenti detti col tono giusto e accorato e con gli occhi strabuzzati al cielo (dalla vecchia maestra, dal priore di Bose, da Veltroni). Piuttosto chiediamo ai politici qualcosa d'altro e di più, uno sforzo per il mestiere. Non di fare a gara a chi scuote meglio le trippe con er core (er valore) in mano (in questa olimpiade Niki Vendola è imbattibile) ma di dirci come fare funzionare l'economia, proteggere il lavoro, tutelare il sistema sanitario senza affogare nel debito ecc ecc. Dicono che Renzi sia reticente sulle cose da fare e, come leggo qui, non abbia i crismi della sinistra identitaria e sognata (quantunque "europea" detto da chi magari ieri era europeo con Fidel Castro). Ma qual è il programma di Cuperlo e Bersani? Dirci addosso che siamo buoni e "di sinistra"? Ma questo lo sappiamo già!

Andrea Chiari, iscritto PD dalla fondazione

Sergio Baraldi, 06-09-2013, 17:26
Quello che colpisce nell'articolo del prof. Galli è il prof. Galli. E' difficile credere che il docente e autore di libri intelligenti abbia potuto produrre una analisi così superficiale del fenomeno Renzi. Non che il sindaco di Firenze sia esente da critiche, ma sorprendono gli argomenti e il tono dell'analisi. Un tono esacerbato, quasi più adatto a uno sfogo che a un commento, mentre gli argomenti sembrano disarmanti. Ritornano tutte le idee invecchiate di una sinistra che ha perso quasi sempre e non ha saputo cambiare l'Italia. Abbiamo la riedizione del partito pedagogico che avrebbe la missione di ricivilizzare la società, un'idea della quale si è sentito parlare per decenni, arrivando dove è arrivato, cioè a perdere 3 milioni e 600 mila voti. Nessun accenno ai fenomeni sociali, economici, tecnologici che il prof. Galli conosce bene e che hanno messo in crisi proprio quella politica di cui parla, invece, l'articolista Galli. Ma i due si parlano? E' Renzi che ha prodotto la tarda modernità o la situazione storica che ha prodotto la personalizzazione della politica, rilanciato il ruolo del leader (poveri Gramsci e Engels), messo al centro la comunicazione (chissà cosa direbbe Edelman leggendo Galli)? Per non parlare dell'implicita valutazione negativa del pubblico come se non fosse il nuovo contesto della democrazie moderne (Manin). In queste nuove condizioni storiche quale cultura politica, leadership, organizzazione e narrazione dovrebbe avere una sinistra? Il prof. Galli potrebbe aiutarci a capirlo, invece passa il suo a lanciare accuse (ma non al perdente Bersani). Restituiteci il prof. Galli.
Emilia Martinelli, 06-09-2013, 16:26
Concordo. Non voterò Renzi perchè sono di sinistra e spero ancora nella fondazione di una nuova sinistra europea. Sono anche convinta che la sinistra del Pd non voterà Renzi e che se avrà il coraggio di ritrovare il rapporto con Vendola e di raccogliere le istanze di tanta sinistra sparsa nelle società civile, non sarà Renzi il segretario del Pd (di quel Pd). Quanto a me, se candidasse Civati, voterei lui. Milli Martinelli 
felice besostri, 06-09-2013, 07:30
La forza di Renzi è che nessuno ha messo in campo un'alternativa credibile. Alle ultime elezioni Ingroia non è uscito dallo schema, imposto da Berlusconi, di capo carismatico. Solo che se sei l'unico ti distingui, 5 leader carismatici si elidono a vicenda. Renzi crea una polarizzazione dello stesso tipo di Berlusconi o si è renziani o anti-renziani, ma una sinistra costretta a discutere se è meglio Renzi o Cuperlo o Puppato o Civati è una sinistra già morta, perché non ha un progetto per il futuro
marcello ramadori, 05-09-2013, 18:50
eccellente analisi. sta di fatto che la stanchezza degli italiani di quelli di sempre facilita la sua operazione  alla Harry Potter, io sono socialista e purtroppo siamo troppo pochi altrimenti potremmo essere davvero la novità.