Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Uscire dall’incubo
rubrica
  • la nota

Viviamo ormai in una specie d’incubo: il passato non passa, la fine non si decide a finire. Ma se l’agonia del berlusconismo si prolunga interminabilmente, non è solo perché vent’anni sono più che sufficienti per mettere radici. Il fatto è che Silvio Berlusconi ha finito per identificarsi così profondamente con la politica, l’economia, il costume, l’immagine stessa del nostro Paese, che l’idea di una sua improvvisa scomparsa provoca nei più una sorta di vertigine: oddio, e che succederà mai, dopo? Peggio ancora, è come se facesse comodo a tutti indugiare sulla soglia del futuro, giusto il tempo per autoconvincersi che un ventennio di scandali e di declino ha un solo responsabile: lui, naturalmente, e chi altro?

Così, a ogni ulteriore gradino sceso nella considerazione internazionale e nella nostra stessa autostima, invece di cercare di uscire dall’incubo ci consoliamo con l’idea che toccato il fondo non è ancora finita, c’è ancora terra dove cominciare a scavare. Ci sono economisti così fascinati dal baratro da impegnarsi a calcolare – compiendo confronti con Paesi come il nostro, però dotati di un governo – quanto costi all’Italia ogni giorno di ulteriore permanenza al potere del premier. Ma anche questa idea che un uomo solo possa tenere in ostaggio un intero Paese, non è essa stessa incomprensibile, prima ancora che insopportabile? Come lo spiegheremo ai nostri nipoti, se mai ce lo chiederanno? Il problema, insomma, non è più Berlusconi: è questo Paese di cartone che credeva di aver appaltato a un uomo il proprio futuro. Il problema sono il sistema politico, l’informazione, l’opinione pubblica, la società civile: tutti i circuiti istituzionali, ma anche le singole brave persone in carne e ossa, che dal 1994 accettano di considerare normale una situazione folle, e che ora sembrano ritenerla folle solo perché lo certificano le agenzie di rating. Il problema sono imprenditori che hanno finto di credere al bluff della modernizzazione e della liberalizzazione solo per lucrarne appalti e privilegi, e che ora si candidano pure a salvatori della patria. Il problema è un’opposizione talmente rassegnata a mimare le mosse dell’avversario da paralizzarsi dinanzi alla sola prospettiva di doversi assumere le proprie responsabilità.

Che fare? Alla lunga lista delle cose che ormai propongono tutti – legge elettorale, lotta all’evasione, magari la patrimoniale, naturalmente misure per la ripresa e per i “gggiovani” – aggiungerei solo due postille: una di metodo, l’altra di merito. Sul metodo: naturalmente qualsiasi governo è meglio dell’attuale, però, solo un governo di tutti, ma proprio di tutti – esclusi solo i cortigiani e le cortigiane – può prendere decisioni dolorose senza il timore di doverle pagare elettoralmente il giorno dopo. Sul merito: il declino di questi anni è stato segnato, in nome di una ridicola eccellenza, da scelte classiste sulla sanità, sulla scuola, sui trasporti, su tutti i servizi che toccano la vita quotidiana delle persone. Bene, nel momento in cui le varie manovre comportano ulteriori riduzioni della qualità della vita di ognuno, forse è venuto il momento di dare drastici segnali di un’inversione di rotta.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
roberto alessi, 14-10-2011, 12:34
Uscire dall'incubo è il sogno di tutti gli italiani dall'inizio della nostra storia.
La propaganda battente-ossessiva fa dimenticare che Berlusconi è stato votato prorio per questo: tentare di uscire dal nostro incubo quotidiano.
Ha fallito per incapacità e.. potenza dell'incubo stesso.
Ma non è lui il problema di questo disgraziato paese, è la mancanza di cultura democratica, l'indifferenza istituzionale, a partire dalla Costituzione, verso i diritti del cittadino.
Un potere che si cura solo di se stesso.
Non esiste all'orizzonte una sola speranza di venirne fuori, una sola persona che si dimostri interessato a trasformare questa repubblica, poco repubblicana, in uno stato liberaldemocratico moderno.
La "notte italiana" è destinata a continuare.
Nicola Cucchi, 04-10-2011, 22:44
 E' possibile immaginare un futuro senza Berlusconi? Ma soprattutto, ha senso pensare che un intero sistema di potere venga meno rimuovendone "semplicemente" il vertice? Io direi di stare attenti a due cose in questa transizione difficile e insidiosa: in primo luogo essere pronti ad affrontare un berlusconismo senza Berlusconi poiché questo sistema di potere (di raccolta dei consensi politici) si è dimostrato efficace in questo decennio. In secondo luogo starei attento ad evitare il populismo vittimista degli antiberlusconiani, di coloro cioè che pensano che i nostri tanti problemi vengano tutti da Lui. E non mi stupirei se su quest'ultimo punto ritrovassimo qualche cortigiano convertitosi in fretta e furia. Certo però quante bassezze, corruzioni, incapacità, incompetenze, tradimenti dobbiamo ancora sopportare per capire che una comunità morente non si salva da sola. Una nuova rappresentanza politica è possibile, se nasce e si diffonde una nuova cultura della cittadinanza democratica. La speranza di uscire da questa "notte italiana" è difficile ma doverosa, a meno di non voler restare solo spettatori e vittime della storia che ci attraversa.
maria cristina marcucci, 26-09-2011, 17:43
A chi pensava che avessimo toccato il fondo, sono subito corsi in aiuto la Gelmini e l' intero staff del suo Ministero, che hanno partorito l' inimmaginabile pur di "accaparrarsi" in qualche modo la notizia.
Anche da parte dei ricercatori, però, il protagonismo non scherza: notizie del genere vanno ipermeditate,  ipercontrollate, e comunicate in modo diverso. Non vorrei (probabile) che il  sensazionalismo berlusconiano non sia proprio del solo B.
Attenzione quindi a dire che qualsiasi governo sarebbe meglio di quello attuale: potrebbero esserci sorprese... Chi avrebbe mai potuto anche solo lontanamente immaginare, fino a ieri,  un tunnel Ginevra-Gran Sasso?