Speciale elezioni europee: -30% su tutte le formule di abbonamento. SCOPRI >>>
n° 1

Ci sono vari modi per segnare un cambio di passo. Con il 2009, "il Mulino" ha scelto una nuova grafica, nuove rubriche, contributi più agili. Ma, a distanza di quasi sessant'anni dalla fondazione, resta la rivista che conosciamo: obiettiva, internazionale, pluralista. Caratteristiche che il lettore potrà cogliere anche nel primo numero di quest'anno.

Indice del fascicolo 1/09

editoriale

L'irresistibile sopravvivenza dello spazio politico

Carlo Galli

il caso italiano

Di chi è la mia vita?

Roberto Escobar

La musa dei decreti

Mauro Barberis

Ancora a parlar di scuola

Luigi Pedrazzi

Generazioni nell'Onda

Loredana Sciolla

la finestra sul mondo

Se Mr. Cutter perde la casa

Francesco Vella

La crisi e i suoi cattivi maestri

Paolo Onofri

La sinistra in Europa tra speranze e paure

Marc Lazar

Il mondo di Obama

Mario Del Pero

I molti vincoli della politica estera americana

Matthew Evangelista

confronto

Discutono di Europa

Giuliano Amato, Ernesto Galli della Loggia

la farina del diavolo

Revisionando, revisionando

profilo

Norbert Elias

Alessandro Cavalli

stampa e regime

I telegiornali italiani di fronte alla politica

Guido Legnante

intervista

Intervista Alain Touraine

Paola Rebughini, Alain Touraine

macinalibro

Madeleine Albright, Memo to the President Elect

Gian Giacomo Migone

Joschka Fischer, Die rot-grünen Jahre

Hanns W. Maull

Philippe Roger, Il nemico americano

Michela Nacci

tendenze

Racconto dell'io e racconto del mondo

Marino Sinibaldi

I nipotini della mezzanotte

Roberto Bertinetti

Finte verità. La soggettiva da videocamera

Emilio Cozzi

Cattaneo ricerca

Il servizio domestico dal dopoguerra a oggi

Asher Colombo, Raffaella Sarti

l'anno scorso a Marienbad

Un esercito perso nella nebbia

Edmondo Berselli

Taccuino


Gli altri fascicoli dello stesso anno

n° 6

Con l'ultimo numero del 2009 (novembre-dicembre) si chiude l'anno che ha visto una piccola rivoluzione nella rivista. Il fascicolo, aperto dall'articolo di Gian Enrico Rusconi dedicato alla "fatica di essere laici" in Italia (liberamente scaricabile dal sito), ospita un contributo di Piero Ignazi che fa il punto sulla politica italiana, uno di Asher Colombo sul fallimento della sanatoria per colf e badanti, il "confronto" tra Alessandro Cavalli e Valentina Aprea sulla scuola italiana, un importante articolo di Anna Cento Bull sulla memoria della stragi che hanno segnato la storia della nostra Repubblica. Tra gli altri, inoltre, si segnala il contributo di Pier Luigi Contucci dedicato alle lotterie gestite dallo Stato italiano.

n° 5

Il quinto numero dell'anno (settembre-ottobre) ospita, fra gli altri, un contributo di Carlo Galli sul ruolo delle élite in Italia (scaricabile liberamente dal sito), l'articolo di Gianfranco Viesti sull'eterno divario Nord/Sud, quelli di Paolo Ferratini e Debora Mantovani sulla scuola italiana, quello di Marco Gambaro sul mercato pubblicitario e la sua rilevanza politica. Tra i contributi della sezione internazionale: Afghanistan, crisi economica, laicità, ruolo degli Stati Uniti. La rubrica "tendenze" vede un contributo di Gian Luca Farinelli sulla crisi del cinema, mentre in "archivio" viene ripreso un importante articolo di Arturo Parisi sulla nostra scuola e sui suoi modelli culturali.

n° 4

Il quarto numero (luglio-agosto) è aperto da un saggio di Remo Bodei dedicato al tema della fragilità delle democrazie contemporanee e ospita, fra gli altri, il confronto sulla destra italiana tra il direttore della rivista Piero Ignazi e il presidente della Camera Gianfranco Fini (scaricabile liberamente dal sito) e gli articoli di Andrea Brandolini sulla distribuzione del reddito in Italia, di Giuseppe Berta sull'attuale fase industriale della Fiat, di Chiara Saraceno sui problemi relativi ai bisogni di cura nella nostra società. Tra i contributi di politica internazionale, Marcella Emiliani sull'Iran e Anna Maria Gentili sul Sudafrica di Zuma.

n° 3

È disponibile il terzo numero dell’anno della rivista (maggio-giugno). Aperto da un saggio di Tommaso Padoa-Schioppa sulla democrazia europea, tema ripreso anche dal confronto tra Yves Mény e Andrew Moravcsik, ospita, tra gli altri, l’articolo di Adolfo Scotto di Luzio sul significato politico degli eventi sismici in Italia (scaricabile liberamente dal sito) e quelli di Andrea Stuppini sul contributo degli immigrati all'erario e Augusto Valeriani sulla percezione di Obama nella stampa araba. Si segnalano inoltre Peter Hünermann sulla vicenda dei vescovi lefebvriani e l'intervista ad Hans Küng.

n° 2

È disponibile il secondo numero dell’anno della rivista (marzo-aprile). Aperto da un saggio di Gustavo Gozzi in difesa del relativismo, ospita, tra gli altri, l’articolo di Stefania Pellegrini sulla crisi della giustizia (scaricabile liberamente dal sito) e quelli di Carlo Scarpa sul caso Alitalia, Angelo Panebianco sugli scenari di politica internazionale, Michel Wieviorka sulla crisi della sinistra europea.

Scopri gli altri trimestrali

RIVISTA DI CULTURA E DI POLITICA