Rivista il mulino

Content Section

Central Section

EMILIA-ROMAGNA
1 2 3 »<
>> viaggio nell’Italia dell’emergenza / 21
Chiara Affronte, 05 May 2020

Mentre Rimini diventava zona rossa con un numero di contagi esorbitante, che cresceva di giorno in giorno, all’Istituto Maccolini, storica Rsa cittadina gestita dalla Congregazione

[...]
>> viaggio nell'Italia dell'emergenza / 16
Francesco Sabato Massimo, 24 April 2020

Parlare di Piacenza oggi significa parlare di logistica, anche quando si tratta di Coronavirus. In questo territorio con forti influenze lombarde e genovesi, infatti, logistica e industria

[...]
>> viaggio nell'Italia dell'emergenza / 8
Michele Guerra, 14 April 2020

In queste settimane ci stiamo rendendo conto un po’ meglio che la cultura è, tra le altre cose, libertà di movimento

[...]
Marco Valbruzzi, 03 February 2020

Ogni elezione, soprattutto se combattuta fino all’ultimo voto, ha bisogno di un po’ di tempo per essere compresa nel suo significato storico e analitico più profondo. E questo vale anche per il recente voto emiliano-romagnolo, presentato come l’Armageddon definitivo della politica italiana. A una settimana di distanza si può ragionare a mente un po’ più fredda sull’esito, provando a individuarne gli aspetti o le lezioni più interessanti. Ne ho individuati quattro e provo a svilupparli in ordine.

1) Sardine über alles. Tra i tanti fattori che possono essere richiamati per spiegare il risultato del voto (cioè: la vittoria di Bonaccini o, se preferite, la sconfitta di Salvini) – tra cui rientrano la strategia molto local del centrosinistra, il “peso” del buongoverno regionale, la personalizzazione straripante del leader della Lega – ce n’è uno che conta più degli altri. O, meglio, che contribuisce a spiegare anche agli altri. Senza troppi giri di parole, queste elezioni sono state vinte dalle “sardine”: un gruppo di giovani bolognesi che, in maniera spontanea e coraggiosa, ha preso Salvini in contropiede, “spiazzandolo” (letteralmente) sul suo campo da gioco preferito, quello del consenso popolare nelle piazze italiane. Il tutto, peraltro, condito da un pizzico di organizzazione social: una beffa per la Bestia del “capitano”.

Le sardine hanno vinto queste elezioni per due ragioni distinte, ma strettamente collegate tra loro. Innanzitutto, hanno impedito che la radicalizzazione polarizzante della campagna del centrodestra a traino sovranista producesse quello che abbiamo osservato praticamente in tutte le ultime consultazioni regionali, cioè una mobilitazione elettorale fortemente asimmetrica che avvantaggia lo schieramento di Salvini e deprime quello di centrosinistra. Le sardine hanno messo un freno a questa spirale, innescando una contromobilitazione di segno uguale e contrario che ha finito per riscaldare una campagna iniziata in “sordina” nell’area del Pd e per convincere molti elettori del centrosinistra che quello emiliano non era un voto qualunque, ma era diventato una questione di principi e di valori. E, dunque, che fosse necessario prendersi la briga di andare alle urne e fare una scelta di campo. 

[...]
Dopo le regionali di domenica: i possibili riflessi su scala nazionale
Paolo Pombeni, 28 January 2020

Ci sono molti modi per guardare a quanto è accaduto con il voto di domenica. I due più chiari sono chiedersi chi ha vinto e chi ha perso, ovviamente in prospettiva lunga (sull’immediato i dati sono evidenti) e domandarsi se ed eventualmente quali ricadute avrà quel voto sul governo Conte 2. Conviene però provare a inserire tutto in un quadro più vasto.

Una prima considerazione è che abbiamo visto un Paese spaccato in due da più punti di vista.

[...]
1 2 3 »<