Rivista il mulino

Content Section

Central Section

XENOFOBIA
Roberto Escobar, 20 June 2018

Le sparate crudeli di Matteo Salvini ci devono preoccupare, ma non ci possono stupire. Eppure, sembra che ci stupiscano e non ci preoccupino.

Coerente con la biografia e la carriera del nostro ministro degli Interni, il proclama contro i rom – «ne faremo un censimento, gli italiani purtroppo ce li dovremo tenere» – viene subito dopo la chiusura dei porti ai naufraghi della Aquarius

[...]
Dal numero 1/2017
Tonia Mastrobuoni, 02 March 2017

A novembre del 2015, nel mezzo dell’autunno difficile dei profughi, Herta Müller riceve a Colonia il premio Heinrich Böll e dedica un passaggio del suo discorso alla destra islamofoba di Pegida

[...]
Dal numero 1/2017
Alessandro Somma, 02 March 2017

Sul finire del 2010 il Parlamento tedesco votò una mozione con la quale si chiedeva di far luce sulle continuità istituzionali tra la Germania nazista e la Repubblica di Bonn.

[...]
Le misure restrittive di Trump sull'ingresso negli Stati Uniti di immigrati e rifugiati
Valeria Ottonelli, 30 January 2017

L'ordine esecutivo con cui Trump ha emanato misure restrittive per l'immigrazione e l'ingresso dei rifugiati negli Stati Uniti ha scatenato una salva di rimostranze e proteste ferme e accalorate, in America e nel resto del mondo. Ma tutto sommato ci si potrebbe chiedere quanto di preoccupante ci sia veramente in questa faccenda. La stessa amministrazione ha provato a minimizzare le ricadute negative dei provvedimenti, già peraltro in parte disinnescati dalle decisioni di alcuni giudici e da una interpretazione accomodante che permette il reingresso nel Paese ai possessori di carta verde.

Il Dipartimento di Sicurezza nazionale ha sottolineato come ogni giorno negli Stati Uniti entrino più di 325.000 viaggiatori e solo poche decine abbiano avuto effettivamente qualche problema per via del bando. Si tratta comunque solo di misure temporanee, finché non saranno stabilite procedure di screening più sicure. E parlare di Muslim ban è fuori luogo, perché ad essere bandita è l'immigrazione da sette Paesi soltanto – la cui lista è stata recuperata da documenti dell'amministrazione Obama – mentre la maggior parte dei Paesi a maggioranza musulmana non è toccata dai provvedimenti.

[...]