Rivista il mulino

Content Section

Central Section

WEB
1 2 »<
Buon compleanno, Internet
Laura Sartori, 29 April 2019

Il 30 aprile 1986 l’Italia si connette per la prima volta a Internet, evento che oggi definiamo epocale, ma che allora fu festeggiato da un ristretto gruppo di scienziati. Sì, perché è tra le mura del Centro nazionale del calcolo elettronico (Cnuce) di Pisa – oggi diventato il Cnr – che parte il primo segnale Internet dall’Italia diretto in Pennsylvania, dove c’era la sede della rete Arpanet.

[...]
Massimiano Bucchi, Giuseppe A. Veltri, 21 December 2017

Il dibattito italiano sulle cosiddette fake news rischia di confondere e mescolare insieme due temi estremamente diversi. Il primo è quello delle notizie inventate o deformate per motivi commerciali e di propaganda. Non si tratta certamente di un fenomeno nato con Internet; tuttavia è chiaro che rispetto al passato, in cui la propaganda era appannaggio di pochi soggetti e istituzioni politiche, gli strumenti digitali, la scala e la diffusione sono cambiati in modo significativo.

[...]
Tra conformismo gregario, ostracismo ed esclusione sociale
Loredana Sciolla, 03 June 2013

La lettera scarlatta, opera di Nathaniel Hawthorne pubblicata con grande successo nel 1850, inizia con una scena sconvolgente. Hester, la giovane donna protagonista del romanzo, viene mostrata al popolo di Boston su un patibolo. Qual è la sua colpa? Aver dato alla luce una bambina, commettendo adulterio per amore di un uomo di cui non vuole rivelare il nome. Hester finirà per subire l’ostracismo sociale, isolata ed emarginata dalla sua comunità, portando cucito sul petto il marchio della vergogna: una "A", scarlatta, come "adultera". Intorno a lei si formerà così un vuoto fatto di parole e di discorsi denigratori: le chiacchiere delle comari, per le quali l’ostracismo non è una pena sufficiente e vorrebbero che Hester venisse uccisa o indotta al suicidio.

L’io narrante, che ritrova i documenti e le testimonianze di questa storia, dice che quando toccò la "A" ricamata, nascosta tra le carte, provò "un calore bruciante... come se la lettera non fosse di panno rosso, ma di ferro arroventato fino a diventare rosso". Che cosa c’entrano il bigottismo e la rigidità di una comunità puritana del Seicento con il nostro oggi permissivo, sessualmente emancipato, individualizzato nelle scelte morali e affettive? C’entrano eccome.

[...]
Matteo Poppi, 15 June 2011

Agli inizi del Novecento il senso dell’ignoto era ancora parte integrante del viaggiare. La mente dell’esploratore non poteva che supporre le insidie o le meraviglie che lo attendevano. Anche la gente comune doveva far fronte a questa carenza informativa. L’alone di mistero per tutto ciò che era altro dal proprio Paese veniva investito da un’aura magica, le poche informazioni scientifiche che giungevano sugli usi e sui costumi di popoli lontani ancora si condivano di leggende.

[...]
Francesco Locane, 29 April 2011

Sono entrato attivamente nel social network più diffuso nel mondo solo di recente, per motivi di lavoro. Dopo avere sentito parlare (da tutti e in ogni modo) di Facebook, ho cercato, mentre lo usavo come mezzo di diffusione di alcuni contenuti che producevo, di osservare quello che accadeva tra profili, bacheche, nuove amicizie e tutto il resto del materiale che circola tra le pagine della piattaforma ideata da Zuckerberg nel 2004.

[...]
1 2 »<