Rivista il mulino

Content Section

Central Section

VATICANO
Marcello Neri, 12 October 2018

La profonda crisi della Chiesa cattolica, legata alla questione degli abusi sessuali riesplosa con la pubblicazione del rapporto investigativo del gran giurì della Pennsylvania e con gli interventi dell’ex nunzio vaticano a Washington, monsignor Viganò,

[...]
After five years of Francis
Massimo Faggioli, 26 January 2018

The elections of the new Parliament in Italy (March 4) take place this year around the fifth anniversary of the election of Pope Francis. It is not just a coincidence, but a reminder of a particular situation in Italy between February and March 2013:

[...]
Mario Ricciardi, 04 March 2013

Roma ha fatto quel che poteva per accogliere i nuovi arrivati. Chi viene da climi meno miti ha trovato persino un sole primaverile che induce all’ottimismo. A patto di non leggere le cronache locali – che raccontano di una città in crisi come il resto del Paese, e con una preoccupante recrudescenza di crimini violenti – ci si potrebbe illudere di essere arrivati nel luogo ideale per discutere in modo ragionevole, smussando gli angoli e mitigando le asperità. In realtà, le due capitali che convivono, e in alcuni quartieri si sovrappongono, sulle rive del Tevere sono scosse da un’inquietudine diffusa e muta, un senso di smarrimento morale, che nemmeno la proverbiale capacità dei romani di trasformare le avversità in farsa riesce a mitigare.

Due crisi di credibilità sembrano essere giunte a una svolta, i cui esiti sono allo stato imprevedibili. C’è tuttavia una differenza significativa tra le due. La crisi vaticana è stata innescata dal Pontefice stesso che, con un gesto inatteso, ha imposto un’accelerazione che potrebbe mettere in moto un processo di rinnovamento della Chiesa. Per quanto sconcertati dalle dimissioni di Benedetto XVI, i porporati che si apprestano a eleggere il nuovo papa non hanno fino a ora manifestato propositi rivoluzionari. La sensazione che si avverte è anzi che ci sia un consenso piuttosto ampio sul fatto che la crisi morale dipenda in larga misura da difetti nella governance della Chiesa come istituzione.

[...]
Sul ritiro di Benedetto XVI, con uno sguardo al Vaticano II
Luigi Pedrazzi, 28 February 2013

Alle ore 20 di questa sera termina il pontificato di Benedetto XVI. Non per la morte del Papa, ma per la conclusione volontaria, liberamente decisa dal Pontefice, com’era possibile, ma di fatto così inesistente nella prassi storica del Papato che quasi si esita a capire e valutare che cosa sia successo a Roma, e quale ne sia il vero significato per la Chiesa cattolica. Scrivo prima del Conclave che si svolgerà per darci il nuovo “secondo” e tuttavia  “unico vero Papa”; unico e vero senz’altro, ma un po’ diverso perchè il non morto papa, sia pure silenzioso e senza ministero pubblico, si saprà esistente, raccolto in mitissima e umile preghiera, ma vivo e pensante tra noi.

Una collaboratrice familiare, nativa delle Marche che, per secoli, furono terra dello Stato Pontificio, a me bambino un giorno raccontò che nel suo paese era abituale un proverbiaccio popolare romano, che diceva così:  “Morto un Papa, fatto un altro / viva questo, accidenti a quell’altro”. Proverbio un po’ volgare, certo, ma seriamente istituzionale nel primo verso del distico e profondamente culturale nel secondo. Ora si può temere il rovesciamento della battutaccia, “accidenti a questo, viva quell’altro”. In realtà, per ora,  non sappiamo quasi  nulla delle interpretazioni  popolaresche o dotte che potranno accompagnare la novità  ora “attualizzata” nella successione dei papi da quel “decisionista inatteso” che si è rivelato papa Ratzinger (forse, sulle orme di Roncalli, è bene per i pontefici camminare in vista delle avvertite necessità obiettive…).

Certo, un po’ cambia la condizione del vero papa, cioè del Papa in servizio mentre chi lo ha preceduto nel compito espletato di servo dei servi, è ancora vivo; questo status si modifica dal momento che fa differenza essere nella tomba, in attesa della Risurrezione, o ancora vivo, in un convento o in un eremo adatto al papa Emerito: “un monaco nel recinto di San Pietro”, come Ratzinger si è definito.

[...]
Marcello Neri, 18 January 2012

Oltre la marginalità italiana. Pur rientrando in prassi procedurali consolidate, la visita del presidente del Consiglio Mario Monti in Vaticano, per un incontro con Benedetto XVI e con i rappresentanti della Segreteria di Stato, ha alcuni tratti di specifica singolarità.

[...]