Rivista il mulino

Content Section

Central Section

LIBIA
Antonio M. Morone, 10 September 2018

A una settimana dall’escalation militare a Tripoli, iniziata il 27 agosto, sono 41 i morti e 128 i feriti accertati, anche se il bilancio resta impreciso per un certo numero di dispersi. I combattimenti con armi pesanti hanno coinvolto zone densamente popolate della capitale libica

[...]
Ciascuno di noi, in quanto cittadino italiano, è indirettamente responsabile
Noi
Mario Ricciardi, 17 July 2018

Di solito non diffondo immagini “forti” attraverso i social. Credo sia una forma di rispetto nei confronti dei miei interlocutori. Chi è ben informato sugli orrori del mondo ha il diritto di non essere costretto a esporsi continuamente a immagini che non fanno altro che ribadire ciò che già conosce.

[...]
Antonio M. Morone, 16 July 2018

Le coste libiche sono all’orizzonte appena si prende il largo dalla cittadina di Zarzis, lungo la costa meridionale della Tunisia. Con l’inizio dell’estate, le correnti soffiano dalla Libia alla Tunisia e il mare inizia a restituire sulle spiagge quel che resta dei corpi dei migranti morti in mare giorni, settimane o mesi prima.

[...]
3 ottobre, Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione
Bruno Simili, 02 October 2017

21 marzo 2016: l’aula di Palazzo Madama approva in via definitiva la proposta di legge che istituisce la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione: 143 voti favorevoli, 9 contrari e 69 astenuti. La relazione di accompagnamento recita, testualmente, che l’iniziativa «nasce dall’esigenza di preservare il ricordo del naufragio avvenuto al largo di Lampedusa il 3 ottobre 2013, nel quale morirono 366 migranti».

Quella decisione fu accompagnata dal plauso di molte istituzioni e da tanti soggetti della società civile. L’Unhcr considerò il via libera del Senato «un passo importante per ricordare tutte le vittime dell’immigrazione e una grande opportunità per la scuola italiana per affrontare il tema dell’asilo e dell’integrazione». Save the Children chiese che la cosa si traducesse presto in «accoglienza e gesti concreti […] ancora molto rimane da fare […] il dramma dei migranti continua a perpetrarsi davanti ai nostri occhi, dentro ai confini europei. Non possiamo ignorare le ripetute violazioni dei diritti umani e la chiusura arbitraria delle frontiere, che provocano grande sofferenza e deprivazione per i migranti, e le morti in mare, che rimangono purtroppo una terribile realtà all’ordine del giorno. Solo ponendo fine al susseguirsi di questi tragici eventi con politiche adeguate di accoglienza a livello europeo si coglierebbe davvero il senso più profondo di questa Giornata».

È interessante – o più che altro deprimente – ripensare a tutto questo mentre ci si accinge a ripetere per la seconda volta il rituale del ricordo.

[...]
Luca Raineri, 17 January 2012

I profeti armati. Il 20 dicembre l’aeroporto internazionale di Tripoli è stato teatro di un conflitto a fuoco tra le opposte fazioni ribelli che hanno concorso alla caduta del regime di Gheddafi. Le milizie di Zenten e di Misurata, che controllano l’aeroporto fin dalla liberazione di Tripoli, si sono opposte all’esercito nazionale

[...]