Rivista il mulino

Content Section

Central Section

STORIA
1 2 3 »<
Sul fenomeno della "caduta a terra" dei monumenti
Carlo Olmo , 31 July 2020

È sconfortante il silenzio che in Italia avvolge un fenomeno che sta conoscendo punte di autentica isteria negli Stati Uniti e in Inghilterra. Un fenomeno complesso, cui si è arrivati per ragioni spesso contraddittorie, ma che denuncia la perdita di capacità di interrogare il presente di cui soffre troppa cosiddetta intellighenzia occidentale. Parlo della “caduta a terra” dei monumenti, che non risparmia nessuno, neppure Gandhi in Inghilterra. Ma dietro la mancata reazione di storici e intellettuali ci sono processi che vanno per lo meno accennati.

Proprio nei giorni scorsi Santa Sofia è stata ricondotta allo stato di moschea e la copertura, sia pure per oggi “a tempo”, dei mosaici e delle decorazioni sta iniziando. Da papa Francesco a molti intellettuali e cittadini si è alzata una protesta, che in realtà si presenta come un rifiuto dell’iconoclastia che sta dietro quella riappropriazione. Ma la difesa del monumento sta, anche in questo caso, nel mantenimento dello statuto metastorico di quell’architettura? Teoria ben singolare, in realtà. La storia dell’architettura ha visto chiese trasformate in moschee, poi in caserme, in depositi di armi, privatizzate da ordini cavallereschi non solo religiosi, divenire fortezze e tornare a liturgie che ne stravolgevano la distribuzione spaziale. Usare la storia per émouvoir le présent è pratica assai discutibile. Ma almeno su Santa Sofia c’è stata una reazione.

[...]
Dal numero 3/20
Massimo Livi Bacci, 09 July 2020

La Natura e la Politica hanno fatto a gara nella storia per infliggere traumi agli umani. La Natura, cioè l’insieme di quei fenomeni di ordine geologico, meteorologico e biologico che hanno inflitto all’umanità flagelli come i terremoti, le inondazioni, le siccità e le carestie, le epidemie per l’azione di virus e microbi

[...]
Al di là di una visione etnocentrica dell'untore
Marcello Flores, 02 April 2020

La diffusione del Coronavirus ha suscitato, come era inevitabile e naturale, un confronto con le grandi pandemie ed epidemie del passato. Manzoni è stato probabilmente il più citato e continui sono stati i richiami anche alla Grande peste – o Peste nera – della metà del Trecento

[...]
Dal numero 1/20
Claus Offe, 19 March 2020

La “normale” modalità di cambiamento sociale e storico sembra essere quella che, vista retrospettivamente, appare come l’effetto cumulativo di una dinamica di sviluppo tipica di una data era, maturata in un orizzonte temporale di alcuni decenni.

[...]
Dal numero 1/20
Alessandra Tarquini, 19 March 2020

Renzo De Felice morì il 26 maggio del 1996 a sessantasette anni. Da allora, in Italia e nel mondo, si sono susseguite trasformazioni epocali, tanto che sarebbe difficile immaginare che cosa direbbe di fronte agli scenari odierni, così diversi da quelli della metà degli anni Novanta.

[...]
1 2 3 »<