Rivista il mulino

Content Section

Central Section

REGIONI
1 2 3 »<
Gianfranco Viesti, 24 July 2017

Mentre i lombardi sono bombardati da una comunicazione istituzionale potente e assai costosa che li invita al voto, la politica italiana continua pericolosamente a disinteressarsi del referendum del prossimo 22 ottobre in Lombardia (e in Veneto).

Per capire meglio su che cosa, e soprattutto perché, si vota, può essere utile tornare sul tema e ripercorrere il testo della mozione approvata a maggioranza dal Consiglio Regionale lo scorso 13 giugno.

Il testo ricorda che già nel febbraio 2015 lo stesso Consiglio ha approvato l’indizione di un referendum consultivo concernente l’iniziativa per l’attribuzione a (sic, non “alla”) Regione Lombardia di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia ai sensi dell’art. 116, con le relative risorse, configurando “un’autonomia affine a quella del Friuli-Venezia Giulia”, quindi molto ampia. L’iniziativa non precisa le materie sui cui si vuole maggiore autonomia, non nasce dall’individuazione di specifici temi su cui si ritiene sarebbe più opportuna una competenza regionale. “Si tratta su tutto”; perché il vero, principale obiettivo sono le risorse finanziarie. La maggiore autonomia, infatti, è “a beneficio esclusivo del grande popolo lombardo che si vedrebbe così sgravato, grazie all’autonomia fiscale, di ampie porzioni di fiscalità regionale (bollo auto, aliquota regionale Irpef ecc.) e godrebbe di uno spettro maggiore di servizi e di un’assistenza rafforzata”. Ma non finisce qui: perché il presidente di Regione Lombardia è impegnato a convocare un tavolo, dopo lo svolgimento del referendum, composto da tutte quelle regioni che vantano un credito annuale nei confronti dello Stato centrale, per costituire un “Fronte del residuo fiscale”, “applicando il sacrosanto principio, ormai non più trascurabile, che le risorse rimangano nei territori che le hanno generate”.

[...]
Gianfranco Viesti, 02 May 2017

Il referendum consultivo «per l’autonomia» che si dovrebbe tenere in Lombardia e in Veneto il 22 ottobre prossimo è una preoccupante iniziativa politica, volta a sollecitare forme di egoismo territoriale, contro la quale sarebbe opportuno esprimersi, specie nei territori coinvolti, in modo chiaro.

[...]
Dagli oneri di urbanizzazione non arrivano le risorse che dovrebbero: il caso dell’Emilia-Romagna
Paola Bonora, 01 July 2016

La rendita è una patologia letale del sistema economico italiano. Fagocita le risorse e le confina a ruolo passivo a scapito delle attività produttive, come la crisi sta mostrando.

[...]
Dopo le intercettazioni che hanno portato le dimissioni della ministra Guidi il voto del 17 aprile è sempre più importante
Bruno Simili, 01 April 2016

Negli ultimi giorni si è cominciato a parlare del referendum che ci chiamerà alle urne il prossimo 17 aprile.

[...]
A proposito di politiche energetiche e di ossimori governativi
Bruno Simili, 18 January 2016

Non se n’è parlato molto. Ma il 30 settembre scorso dieci regioni italiane hanno depositato in Cassazione sei proposte di referendum. La metà delle regioni italiane, dunque: Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Con l’eccezione dell’Emilia-Romagna, del Friuli Venezia-Giulia e della Sicilia, tutte quelle che hanno uno sbocco sul mare. Il motivo è semplice, poiché scopo dei referendum è opporsi alle conseguenze del cosiddetto «Sblocca Italia» (d.l. 133/2014, Capo IX: «Misure urgenti in materia di energia»), laddove il decreto governativo – cui si aggiunge l'articolo 35 del decreto Sviluppo che venne varato dal governo Monti – tratta la questione della ricerca di idrocarburi, delle trivellazioni in mare e delle relative concessioni. Visto il parere positivo espresso dalla Cassazione, ora la parola è alla Corte costituzionale, che dovrà esprimersi sui quesiti referendari. In caso di ammissibilità, il presidente della Repubblica dovrà decidere la data della consultazione, che dovrà tenersi entro il 15 giugno.

Si tratta di una questione assai rilevante da molti punti di vista. Politici, dal momento che molte delle regioni coinvolte sono guidate da una Giunta di centrosinistra (proprio pochi giorni fa è scoppiato un caso in Abruzzo, dove la Giunta regionale guidata da Luciano D’Alfonso sembra voler smentire quanto espresso dal suo Consiglio regionale in data 24 settembre 2015: cfr. L’Abruzzo (del Pd) rompe il fronte referendario antitrivelle, «il manifesto», 15.1.2016). Istituzionali, poiché il decreto mette in discussione i rapporti tra centro e periferia, togliendo alle Regioni le prerogative in merito alle modalità e ai tempi delle concessioni. Di merito, rispetto a una visione da molti considerata superata e dannosa che vede ancora negli idrocarburi la fonte energetica di riferimento anche per i decenni a venire, ignorando le belle parole e gli intenti declamati in accordo con gli altri Stati a Cop21, il recente vertice parigino di cui ci siamo occupati qui. Come ha dichiarato il capofila dei referendari, il presidente del Consiglio regionale della Basilicata Piero Lacorazza (Pd), l’intento è di «impedire le trivellazioni in mare in un raggio di 12 miglia dalla costa e ripristinare le funzioni delle Regioni e degli enti locali in materia» (la Basilicata dell'Eni di Enrico Mattei conta decine di impianti di trivellazione sul proprio territorio).

In attesa che la Corte si pronunci, le cose vanno avanti.

[...]
1 2 3 »<