Rivista il mulino

Content Section

Central Section

ITALIA
1 2 3 »<
Mario Giro, 19 December 2019

L'annuncio della fusione tra Fca e Psa ha rilanciato la riflessione sulle relazioni tra Francia e Italia. Paesi per molti aspetti simili e allo stesso tempo diversi tra loro, spesso vittime di immagini riflesse e di equivoci. Nel corso del tempo, i loro rapporti hanno segnato diverse stagioni politiche, sino a quando con l’avvento del governo giallo-verde si è aperta la fase peggiore delle loro relazioni. La visita di Di Maio ai gilets jaunes all’inizio dello scorso febbraio e le scaramucce quotidiane tra Salvini e Macron sugli immigrati hanno portato la relazione a livelli mai raggiunti, tanto da provocare il richiamo dell’ambasciatore francese da Roma.

[...]
Il primo trapianto di cuore in Italia
Roberto Brigati, 13 November 2019

La storia dei trapianti è fatta di accidenti. Il 12 giugno del 1992 moriva Ilario Lazzari, il primo a ricevere un trapianto di cuore in Italia. Moriva per un’infezione Hiv-relata, contratta per via trasfusionale. Un anno prima era morto in un incidente autostradale Vincenzo Gallucci, il cardiochirurgo che lo aveva operato.

[...]
Inaugurazione del primo asilo nido comunale in Italia
Simona Lembi, 08 November 2019

Era il 9 novembre del 1969 quando, a Bologna, veniva inaugurato il primo asilo nido comunale d’Italia, anticipando di ben due anni la prima legge italiana che chiedeva l’istituzione di nidi gestiti dai comuni. Fortemente voluto dall’amministrazione Fanti, in particolare dal sindaco e dall’allora assessora ai Servizi sociali Adriana Lodi, il nido veniva intitolato alla memoria dei genitori dell’industriale Aldo Patini, Carolina e Giuseppe, che finanziò la struttura.

[...]
Dal numero 5/19
Matteo Jessoula, Matteo Mandelli, 07 November 2019

La povertà energetica è un tema sempre più presente nell’agenda politica europea. Ma se in Paesi come il Regno Unito il concetto di fuel poverty è di dominio comune ormai da anni, in Italia ha acquisito una rilevanza solo in tempi recenti, perlopiù sulla spinta di iniziative comunitarie.

[...]
Dal numero 5/19
Claudio Petruccioli, 07 November 2019

Lei entra nella segreteria del Pci nel luglio del 1987, all’indomani di un risultato elettorale molto negativo. Quella segreteria segna un cambiamento generazionale: il segretario Alessandro Natta è affiancato da un vice, Achille Occhetto, e da un gruppo di «giovani» di cui, oltre a lei, facevano parte Livia Turco, Massimo D’Alema, Piero Fassino e Gianni Pellicani. Che situazione trovaste al vostro insediamento? Quali erano le questioni che avvertivate come più urgenti per il partito? Quali erano le spinte al rinnovamento e le resistenze, e da parte di quali ambienti o aree culturali?

Il risultato elettorale del 1987, prima ancora che negativo, fu simbolicamente significativo: si tornava esattamente alla percentuale del 1968. Un intero ciclo si chiudeva e un altro se ne doveva aprire; bisognava verificare se c’erano le risorse e la forza per farlo.

[...]
1 2 3 »<