Rivista il mulino

Content Section

Central Section

CITTADINANZA
1 2 3 »<
Mauro Piras, 18 February 2019

La scuola è scomparsa dai radar della politica. Dopo due-tre anni di aspri conflitti intorno alla Buona scuola, il nuovo governo Lega-Cinquestelle l’ha messa in secondo piano. Ha affrontato pochi problemi circoscritti, smontando qua e là alcune cose fatte dal governo precedente, ma non ha messo in cantiere un progetto di riforma, né investimenti significativi. Le priorità sono altre: reddito di cittadinanza, pensioni, immigrazione ecc. Del resto, le divisioni aperte dalla Buona scuola sembrano avere “scottato” chi si occupa di politica scolastica. Sembra quasi che si abbia paura di sollevare lo sguardo, di impostare i problemi da un punto di vista generale, di sistema. Per evitare nuovi conflitti. Così ci stiamo inabissando lentamente. Stiamo perdendo una prospettiva, in un difficile momento di crisi della scuola italiana. Inoltre, questa sorta di rimozione nasconde un altro problema: la necessità di ricostruire una visione dell’istruzione dal basso, cioè non direttamente dall’iniziativa politica, come è successo con le ultime riforme, ma dall’opinione pubblica, da un consenso cresciuto lentamente intorno a un progetto condiviso.

Da una esigenza di questo tipo nasce Condorcet. Dietro questo nome si raccoglie un gruppo di docenti, dirigenti scolastici, genitori, esperti e appassionati di scuola che vuole aprire un dibattito su un progetto ambizioso di riforma della scuola. Meglio: su alcune riforme necessarie alla scuola italiana.

[...]
"Nuove norme sulla cittadinanza": la legge 91
Clelia Cirvilleri, 05 February 2019

Per Alina oggi è un giorno importante: la sua scuola, un liceo scientifico di Milano, ha organizzato la cerimonia di premiazione di 11 studenti eccellenti e lei è una di loro. Ha la media del 9, è simpatica e popolare. Ma a primavera non andrà in gita a Parigi con i suoi compagni

[...]
Dalla ribellione per le tasse all’empowerment politico
Vincent Michelot, 18 December 2018

Il movimento dei "gilets jaunes" ha radici molto profonde nella politica francese. È, allo stesso tempo, il terminale dei cambiamenti sociali che hanno avuto luogo dagli anni Cinquanta e il sottoprodotto diretto delle ultime elezioni presidenziali, il risultato del nuovo ambiente politico che è stato creato, ma anche dell’incapacità delle istituzioni della V Repubblica di assorbire, dare un senso e rispondere adeguatamente alle richieste di nuove forme di democrazia e di rappresentanza.

[...]
Stefano Luconi, 05 November 2018

La contesa sullo ius soli. Lo scorso 30 ottobre Donald Trump ha annunciato di voler emanare un ordine esecutivo per impedire l’attribuzione della cittadinanza americana ai figli degli immigrati irregolari nati negli Stati Uniti. La dichiarazione, a una settimana dal voto di mid term, malgrado la sua strumentalità elettoralistica, ha riacceso la controversia sullo ius soli

[...]
Bruno Simili, 19 March 2018

Il terremoto che ha colpito il centro Italia nel 2016 – il 24 agosto prima, poi di nuovo il 26 e il 30 ottobre, con quella che la gente del posto ha battezzato “la botta grossa”, e di nuovo a gennaio del 2017 – ha ancora una volta evidenziato i chiaroscuri che ormai segnano l’Italia da decenni.

[...]
1 2 3 »<