Rivista il mulino

Content Section

Central Section

POVERTÀ
« 5 6 7 8 9 »<
Enrica Morlicchio, 03 August 2015

Ad agosto, quando solitamente si va in vacanza, le disuguaglianze di condizioni di vita tra le famiglie italiane, e tra queste e quelle dei Paesi forti dell’Europa, si palesano nel modo più evidente. Basterebbe un giro per le periferie delle città del Nord, i centri storici decaduti del Mezzogiorno, le campagne e le aree interne spopolate della intera penisola per farsi un’idea di quanti restano a casa. Anziani accaldati e sofferenti, lavoratori senza ferie, giovani stagionali, bambini spesso in sovrappeso si accalcano intorno a luoghi improvvisati di refrigerio o di svago a buon mercato, talvolta in località turistiche dove ben altre sono le opportunità di cui godono gli occasionali frequentatori, italiani e stranieri.

Nel 2014, secondo la rilevazione realizzata dall’Istat nell’ambito della indagine europea sui redditi e le condizioni di vita (SILC-Statistics on Income and Living Conditions), metà (49,2%) delle famiglie italiane non ha potuto trascorrere una settimana di vacanze lontano da casa, contro un terzo dell’Inghilterra, un quarto della Francia e ancor meno della Germania. In aggiunta a ciò, dal 2008 ad oggi – gli anni segnati dalla recessione economica – l’incidenza percentuale delle famiglie italiane che non si è mai spostata è aumentata di ben dieci punti percentuali.

[...]
Pietro Faraguna, 09 July 2015

Anche i ricchi piangono (ma non i super-ricchi). Quello della diseguaglianza è un tema ricorrente in tutte le epoche e scienze sociali. Non c’è dunque nulla di straordinariamente nuovo nel fatto che anche oggi sia al centro del dibattito pubblico, a maggior ragione in un momento in cui la crisi finanziaria ha aumentato la forbice tra ricchi e poveri.

[...]
Lettera aperta di 5 economisti ad Angela Merkel
Redazione, 08 July 2015

L’austerità a oltranza che l’Europa ha imposto al popolo greco semplicemente non funziona. Adesso la Grecia, a voce alta, ha detto basta.

Come la maggior parte del mondo aveva previsto, le richieste finanziarie da parte dell’Europa hanno schiacciato l'economia greca: disoccupazione di massa, collasso del sistema bancario, ulteriore aumento dell’esposizione debitoria sull’estero,

[...]
Enrica Morlicchio, 15 June 2015

La crisi economica e l’arrivo in Italia di donne, bambini e giovani uomini in fuga da guerre, conflitti e da condizioni di vita insostenibili nei campi profughi di Paesi di confine hanno modificato profondamente la composizione della povertà italiana. Quest’ultima era costituita in larga misura da famiglie povere con figli minori in cui sono presenti entrambi i genitori, caratterizzate da uno squilibrio tra entrate familiari – redditi da lavoro modesti e discontinui e trasferimenti monetari altrettanto modesti e discontinui – e residenti per due terzi nel Mezzogiorno. Non che questo tipo di povertà vada scomparendo, anzi, essa esce acuita dalla crisi economica e dai processi di arretramento dei sistemi di Welfare, che hanno sottoposto le famiglie italiane a un sovraccarico di aspettative di cura in presenza di una riduzione delle occasioni di lavoro finanche nella economia irregolare. Sono queste le famiglie che sono state in larga parte interessate dai fenomeni di “nuova migrazione”, i quali, come è messo in luce da Monica Santoro nel numero in uscita del “Mulino”, portano con sé il rischio di riprodurre nei Paesi di arrivo le stesse condizioni di povertà, precarietà occupazionale e scarsa protezione dalle quali si era cercato di fuggire. E sono queste stesse famiglie, e soprattutto le giovani coppie, ad aver adottato consumi sempre più parsimoniosi, come documentano due ricerche richiamate nello stesso numero.

[...]
Cartolina da Napoli
Andrea Morniroli, 18 May 2015

Giovanni – nome di fantasia – ha 17 anni. Porta i caffè negli uffici per un bar del centro. Lavora dalle 7 e 30 alle 17 e 30, dal lunedì al sabato. Viene pagato 80 euro la settimana e in più si “porta a casa” una media di 10/15 euro al giorno di mance. Ieri si è messo quasi a piangere, raccontandomi del suo problema, perché il bar cambia gestione e i nuovi proprietari hanno due nipoti che prenderanno il suo posto.

[...]
« 5 6 7 8 9 »<