Rivista il mulino

Content Section

Central Section

LAVORO
Aris Accornero, 13 October 2011

Pubblichiamo l'incipit dell'articolo di Aris Accornero tratto da "il Mulino", 5/2011, in uscita in libreria il 13 ottobre.

 

Una storia del costume operaio è ancora da scrivere, ma possiamo senz’altro affermare che in questi centocinquant’anni l’industria ha inventato il vestito da lavoro, e che lo sviluppo del Paese lo ha diffuso ovunque. Ma nel 1861, quando l’Italia diventa unita, questa trasformazione è appena iniziata. E prima?

[...]
Bruno Simili, 02 May 2011

Sui giornali italiani di domani, martedì 3 maggio, la vera notizia non sarà l’uccisione di Osama bin Laden, a dieci anni da quell’11 settembre. No, l’attenzione dei lettori sarà tutta rivolta all’esito della querelle negozi aperti vs. negozi chiusi, domenica primo maggio. Com’è andata? Un tema davvero appassionante che ci obbliga a riflettere sul lavoro in Italia, a dispetto dei grandi eventi che hanno accompagnato quest’anno la ricorrenza, distraendo un poco l’attenzione dalla festa dei lavoratori. A cominciare dai postumi della sbornia dei coniugi Middleton, cui è andato, unanime, il riconoscimento da parte delle Trade Unions britanniche per avere opportunamente evitato questa particolare domenica per il matrimonio del secolo. Proseguendo con la cerimonia di beatificazione di Giovanni Paolo II, oltre un milione di pellegrini a Roma, che secondo la Santa Sede, al contrario, doveva tenersi assolutamente questa domenica.
Se in giro per il mondo la giornata di ieri è stata segnata da numerose manifestazioni di protesta (spesso sfociate in scontri) verso l’incapacità dei governi di gestire la crisi economica globale, in Italia ci si è molto occupati, appunto, dell’apertura-chiusura degli esercizi commerciali. Questo mentre il Paese assiste al progressivo e inesorabile processo di smantellamento di quel che resta dell’unità sindacale.

[...]
Paolo Bosi, 10 January 2011

Ridurre la pausa da 40 a 30 minuti è davvero così inaccettabile, se in mezzo c’è il rischio di perdere il posto di lavoro? Messa così la domanda, la risposta è ovvia. Questo non è il ragionamento di Marchionne, che, da un suo solido punto di forza, semplicemente pone l’alternativa, ma di gran parte dei politici, di destra e di sinistra, della Confindustria, di gran parte del  sindacato  e dei giornalisti più autorevoli della stampa che conta. Vale a dire delle persone che in assenza di una consultazione diretta dei cittadini  interpretano sulla base di mandati diversi e più o meno robusti il sentire della maggioranza della nostra società. In realtà la domanda mi pare ponga un’alternativa in modo scorretto. Si potrebbe infatti rispondere che di questo passo si arriva alle condizioni di lavoro del Quangdong (in proposito, per rendersene conto, consiglio la lettura di Operaie, di Leslie Chang). Alla luce di questa giusta replica, che ricorre allo strumento retorico di portare l’argomento all’estremo, il problema mi pare debba essere posto in termini diversi. In Europa (in Italia, in Germania) e negli Stati Uniti (anche se in misura minore che in Europa), il lavoratori, in alcuni casi anche attraverso la sanzione di leggi, hanno ottenuto che il lavoro debba essere espletato nel rispetto di certe condizioni di tutela dell’integrità personale, della dignità del modo di espletarlo e di remuneralo; condizioni  che oggi i lavoratori cinesi e polacchi non hanno.

[...]
Piero Ignazi, 18 October 2010

La questione salariale è la grande assente del dibattito politico. Una quantità ormai debordante di analisi, provenienti dalle sedi più autorevoli, dall’Ocse alla Banca d’Italia, dimostra il calo costante del potere d’acquisto dei salariati. Negli ultimi anni in Italia si è verificato uno spostamento “rivoluzionario” di capacità di reddito dal settore del lavoro dipendente a quello del lavoro autonomo. Grazie alla gestione tremontiana del changeover tra lira ed euro, coloro che “potevano fare i prezzi” hanno accumulato uno straordinario vantaggio competitivo sui percettori di redditi fissi. E negli anni successivi nulla è stato fatto per riequilibrare il potere d’acquisto dei salariati. Con il risultato che già prima della crisi operai e impiegati hanno visto erodere significativamente il loro livello di vita. Poi, scoppiata la crisi, tutti sono stati coinvolti:

[...]
Bruno Simili, 01 May 2010

Sarà vero, come ci viene raccontato negli ultimi mesi, che l’Italia sta reagendo meglio di molti altri Paesi alla crisi. Tuttavia, pur tenendo conto di una situazione estremamente complicata su molti fronti e in molti Paesi, per una volta conviene lasciare da parte l’analisi comparata e concentrarsi sui dati italiani. La ricorrenza del primo maggio, al di là delle polemiche suscitate dalla decisione presa da alcune amministrazioni di permettere l’apertura degli esercizi commerciali, porta a parlare di disoccupazione. Su base annua (dati Istat di fine aprile) siamo all’8,8 per cento. Il tasso di disoccupazione giovanile è pari al 27,7 per cento, in aumento di 2,9 punti rispetto a marzo 2009. Il numero delle persone in cerca di occupazione risulta pari a 2 milioni e 194.000 unità, in crescita del 2,7 per cento (58.000 in più) rispetto al mese precedente e del 12 per cento (236.000 in più) rispetto a un anno fa. Cifre che, da sole, dovrebbero mitigare gli ottimismi.

[...]