Rivista il mulino

Content Section

Central Section

IMMIGRAZIONE
Elisa Piras, 25 February 2014

Tensione permanente alla frontiera. I fatti avvenuti lo scorso 6 febbraio a Ceuta, al confine tra Marocco e Spagna, hanno suscitato un acceso dibattito sui temi dell’immigrazione e della sicurezza dei migranti alle frontiere.

[...]
Francesco De Palo, 30 January 2014

Concorso di colpa greca nel naufragio? L'accusa è di quelle che lasciano senza fiato: la Guardia Costiera greca avrebbe, secondo alcuni testimoni, lasciato annegare alcuni migranti vicino l’isola di Famakonisi

[...]
Michele Salvati, 15 January 2014

Leggo in ritardo la cronaca dell’aggressione al professor Angelo Panebianco all’Università di Bologna da parte di un gruppo di studenti (tutti studenti?), indignati per l’articolo che Panebianco aveva scritto il giorno prima sul «Corriere della Sera»

[...]
Roberto Escobar, 23 December 2013

«Ho eseguito un ordine», dice un operatore del centro di accoglienza di Lampedusa, dopo che un filmato “clandestino” ha mostrato a noi e agli Europei che cosa nel nostro Paese si intenda per accoglienza, quando si tratta di migranti. Befehl ist Befehl, verrebbe da dire. E sbaglieremmo. Il riferimento diretto o indiretto all’obbedienza che nei Lager si prestava all’ordine di sterminare, è fuorviante, e alla fine banalizzante. Certo, a chi si giustifica d’un comportamento vergognoso appellandosi alla dipendenza gerarchica ­– e magari al timore d’essere privati del posto di lavoro –, a quello, dunque, ben si può rispondere che si è morali o immorali in proprio, mai in conto terzi, e mai in subordine alla convenienza economica.

Lo stesso valeva per gli aguzzini dei campi di sterminio, e per i loro burocrati. Ma in entrambi i casi, in quello lontano nel tempo e in quello vicino, il Befehl ist Befehl spiega ben poco. Se si parte dalla moralità di quanti negano libertà, dignità e vita a un essere umano, non c’è poi da stupirsi se si finisce per considerarli (grandi o piccoli) mostri, e per ipotizzare la categoria appunto morale di Male, se non di Male assoluto.

Non è il Male, all’opera nel filmato messo in onda dal Tg2. All’opera vi è piuttosto la conseguenza, una delle conseguenze di una macchina politica e sociale complessa. Al livello più immediato di tale macchina, “lavorano” i milioni di euro che alimentano il mercato dell’accoglienza. In questo mercato si fanno concorrenza società e cooperative per le quali ogni “accolto” è un’entrata. Quanti più esseri umani sono stipati in un centro, e quanto più basso è il loro costo, tanto più trionfa il principio sovrano della produttività e del profitto.

Se ci si illude che ci sia solo questo, dietro le immagini di uomini nudi sottoposti a docce “terapeutiche”, se ne conclude che basti imporre agli imprenditori dell’assistenza criteri logistici civili, per così dire. Ma in questo modo, ancora una volta, tutto viene banalizzato, immaginando che a offendere la libertà, la dignità e le vite delle vittime sia una categoria morale, per quanto ora di moralità economica.

Se si vuole comprendere qualcosa, nei fatti di Lampedusa, conviene partire da una domanda che non contenga già in sé la risposta. Perché uomini normali, come sono gli operatori del centro, non hanno remore a degradare altri uomini? Perché basta loro un ordine per fare cose che, in altre situazioni, troverebbero vergognose? 

[...]
Roberto Escobar, 21 October 2013

Salvatore, Yara, Joseph, Amud, Kitty e Karim se ne stanno protetti e accuditi a Menfi, in una villetta che i giornali  e le televisioni amano chiamare l'orfanotrofio del mare. L'11 ottobre Salvatore, Yara, Joseph, Amud, Kitty e Karim erano a bordo del barcone su cui prima avevano sparato a mitraglia le motovedette libiche, e che poi s'era rovesciato. Ora appunto sono qui, nella Valle del Belice, al sicuro. Non si sa chi siano, né da dove vengano. Anche i nomi sono incerti o di fantasia. In ogni caso, sfogliando le pagine dei giornali o passando da un tg all'altro, è facile commuoversi per loro, e anche per chi li protegge e li accudisce. Quasi ci pare che questo misero Paese, il nostro, oggi abbia la coscienza più leggera. Fin qui la buona, l'ottima notizia. Appena un po' più in là – un po' più in là dell'orfanotrofio del mare e dalla commozione mediatica – resta l'indecente realtà, insieme con una propensione anche più indecente a dimenticare.

Un paio di settimane fa, i nostri senatori hanno tentato in maggioranza di cancellare la vergogna della legge Bossi-Fini, o almeno di quella sua parte che della povertà, della paura e della disperazione ha fatto un reato. Lo hanno tentato in gran fretta, per la vergogna, appunto. Ma vergognoso è che una minoranza consistente si sia opposta. E vergognoso è che il capo del Movimento cinque stelle abbia sconfessato i suoi, che quel tentativo hanno sostenuto. Se nel programma elettorale avessimo proposto di abolire il reato di clandestinità, ha tuonato, la percentuale dei nostri voti sarebbe stata da prefisso telefonico. Una vergogna, appunto. Ma è ancora più vergognoso il fatto che proprio così sarebbe accaduto.

Il nostro è un Paese in cui paura e odio sono stati diffusi, allevati, coccolati per più di vent'anni. Hanno cominciato i leghisti, che degli immigrati dal nostro Sud hanno fatto il capro espiatorio capace di farli arrivare a Roma, e che poi – dal momento che anche i terroni votano – li hanno sostituiti via via con albanesi, maghrebini, rumeni, rom... La loro strategia funzionava. Funzionava a tal punto, da diventare il cuore del marketing elettorale (per usare un'espressione di cui ci si dovrebbe vergognare, ma di cui nessuno sembra vergognarsi). Convinti dai risultati, oltre che sorretti da una vocazione genetica, come i leghisti hanno presto fatto gli altri partiti di destra. E una gran parte del centrosinistra li ha seguiti a ruota, magari non accanendosi come loro contro gli stranieri, ma certo evitando di difendere le ragioni della loro (e nostra) dignità. Lo ha fatto per ignavia e insipienza politica, e per timore delle percentuali da prefisso telefonico che oggi continuano a spaventare il capo della cosiddetta antipolitica.

Così è andata, fino a ieri. Per più di vent'anni, il solo argomento che abbia spostato voti è stato quello della paura e dell'odio. Di paura e odio s'è nutrito il potere, fino a ieri. E oggi? Oggi sembra che torni a essere così, se la guida suprema del cambiamento può mettere in pratica impunemente la lezione veteroleghista, reato di clandestinità e ius soli compresi. D'altra parte, gli conviene. Gli conviene perché gli Italiani sono (sono diventati?) in gran parte criptorazzisti, se non razzisti.

Di tutto questo ci siamo dimenticati, in un mese d'ottobre zeppo di morti, di "clandestini" morti. In particolare, politici e giornalisti si sono dimenticati di ricordare – perdonate il bisticcio verbale – che ne siamo responsabili noi, più della povertà, della paura, della disperazione. Al di là della commozione, al di là della gratitudine per gli uomini e le donne dell'orfanotrofio del mare, dovremmo farci una domanda dolorosa e onesta: chi ha ucciso, davvero, i padri e le madri di Salvatore, Yara, Joseph, Amud, Kitty e Karim, o comunque si chiamino?

[...]