Rivista il mulino

Content Section

Central Section

CORONAVIRUS
1 2 3 »<
Francesca Rosa, 10 July 2020

L’irruzione della pandemia nei nostri ordinamenti costituzionali ha prodotto effetti indiretti sui diritti individuali, a causa delle stringenti limitazioni imposte per contrastare la diffusione del contagio

[...]
Dal numero 3/20
Mario Ricciardi, 09 July 2020

«Fra tutte le sciagure subite fino ad oggi dall’umanità le grandi epidemie hanno lasciato di sé un ricordo singolarmente vivo». Questa affermazione introduce un breve, ma denso, paragrafo di Massa e potere in cui Elias Canetti commenta alcuni memorabili brani di Tucidide che descrivono il disordine (in greco «anomia») provocato dell’epidemia che ha colpito Atene durante la guerra del Peloponneso (430 a.C.). Gli storici della medicina discutono da decenni di quale sia stato l’agente patogeno, probabilmente proveniente dall’Africa, che condusse alla morte un terzo degli abitanti della città attica. Tra le vittime della pestilenza ci fu anche la politica di Pericle, poiché fu ai suoi errori che gli ateniesi imputarono la colpa del flagello che li aveva colpiti. Poco dopo aver perso il potere, lo stesso Pericle si ammalò, e dopo qualche tempo morì. Non c’è dubbio, quindi, che l’epidemia fu uno dei fattori che contribuirono a pregiudicare le sorti politiche di Atene.

Qualunque sia stata la causa dell’epidemia descritta da Tucidide, sono gli effetti cumulativi che essa ha generato ad attirare l’attenzione di Canetti: «dapprima solo pochi ne sono colpiti, poi i casi si moltiplicano; dappertutto si vedono dei morti, ed ecco che i morti sono più numerosi dei vivi». Lo scrittore osserva che, a differenza di un terremoto, un evento geologico il cui impatto si palesa immediatamente, un’epidemia si sviluppa, giorno dopo giorno, sotto gli occhi degli esseri umani che ne sono testimoni, che assistono, loro malgrado, al «massiccio progresso della morte».

[...]
Dal numero 3/20
Gianfranco Viesti, 09 July 2020

Nei prossimi mesi l’Italia si gioca tantissimo del proprio futuro sociale ed economico. È a una svolta improvvisa e drammatica della propria storia. L’esplosione della pandemia, le misure di segregazione e distanziamento sociale e le loro ricadute sociali ed economiche hanno messo di colpo il Paese di fronte a rischi davvero enormi

[...]
Dal numero 3/20
Marco Cammelli, 09 July 2020

Il tema delle relazioni centro-periferia da tempo è diventato, in tutti i Paesi, oggetto di forti tensioni istituzionali, che in qualche caso sfiorano le forme di aperto conflitto. In Italia, in particolare proprio nel corso della gestione dell’epidemia, a molti è parso che tali tensioni abbiano superato il livello di guardia

[...]
Dal numero 3/20
Nerina Dirindin, 09 July 2020

Grazie alla Costituzione e alla legge n. 833 del 1978, l’Italia ha potuto affrontare l’emergenza Coronavirus senza aggiungere alla sofferenza e alla paura la preoccupazione del costo di trattamenti che avrebbero potuto essere insostenibili per la gran parte delle famiglie italiane

[...]
1 2 3 »<