Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Islamabad, 25/5/2009
rubrica
  • lettere internazionali

Il Pakistan del grande esodo e la partita atomica. Continuano gli scontri tra forze di sicurezza pakistane e militanti talebani nei distretti di Swat e Lower Dir. Siamo nel Nord-Ovest del paese, lungo l’indefinito confine

che separa il Pakistan dal vicino Afghanistan, ad appena 130 chilometri dalla capitale Islamabad. Il paese, come ha sottolineato la stampa internazionale, è sull’orlo della guerra civile, con il numero delle vittime in rapido aumento da due settimane, da quando cioè l’offensiva dell’esercito è entrata nel vivo. All’origine delle operazioni belliche è stata l’incursione di nutriti reparti ribelli a sud dello Swat, fino alla città di Buner, posta ad appena 100 chilometri dalla capitale e dall’ingente arsenale atomico di cui dispone il governo pakistano. L’attacco delle forze di sicurezza si è fatto deciso solo dopo la ‘sveglia’ giunta perentoriamente dagli Stati Uniti, da mesi impegnati al di là del confine afgano per limitare l’azione dei talebani, che in Pakistan trovano le condizioni per riorganizzarsi e dedicarsi al proselitismo. La presenza dei militanti islamici a Nord-Ovest è aumentata al punto tale da originare una sorta di stato nello stato, regolato dalla sharia, concessa da Islamabad ai tribunali locali lo scorso febbraio.
Stando alle recenti dichiarazioni del ministro dell’Interno pakistano, Rehman Malik, più di 1000 guerriglieri sarebbero rimasti uccisi nelle operazioni, anche se le cifre sono indicative e non considerano l’incidenza delle vittime civili, falciate dai bombardamenti aerei e dall’artiglieria che più volte ha colpito villaggi nei quali si erano (o si sospettava che si fossero) rifugiate le milizie talebane. Così, mentre i militanti riparano più a nord per sottrarsi alle incursioni dei servizi di sicurezza, asserragliandosi nei pressi della città di Minora, lunghe carovane di profughi, pari ad almeno due terzi della popolazione locale, stanno fuggendo dalle violenze dello Swat, cercando riparo e sicurezza più a sud, nel distretto di Mardan. Secondo le stime dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati il numero dei profughi registrati dal 2 maggio a oggi è di poco inferiore al milione e mezzo, cui devono essere sommati i 553 mila registrati dall’agosto del 2008, per un totale che supera i 2 milioni. Reporter locali parlano di condizioni particolarmente difficili per gli sfollati, costretti oltretutto a fare i conti con il coprifuoco imposto dall’esercito – lo stesso che ha ordinato di evacuare l’area – e con l’aumento esponenziale delle tariffe dei mezzi di trasporto, che contribuisce ad ostacolare la fuga, o quantomeno ad allungarne i tempi. Per il fragile paese islamico si tratta del più grande esodo di massa dopo quello seguito alla partizione dall’India nell’agosto 1947, quando milioni di musulmani lasciarono il suolo indiano alla volta del neonato Pakistan.

Mentre il nord-ovest piomba nel caos, gli Stati Uniti si interrogano sull’affidabilità del governo presieduto da Asif Zardari, considerato da Washington un alleato indispensabile, benché ambiguo, nella lotta ad Al Qaeda. Il timore dei servizi di intelligence americani, rilanciato dalla stampa statunitense, riguarda in particolare la proliferazione nucleare in atto in Pakistan, molto probabilmente frutto di una distrazione degli ingenti fondi versati a Islamabad dal governo Usa per sostenere la lotta al terrorismo. L’evenienza che i talebani o altri gruppi estremisti possano impossessarsi dell’atomica non appare oggi una prospettiva eccessivamente remota. E i timori legati a questa eventualità hanno spinto gli Stati Uniti a creare un apposito commando, sito lungo il confine con l’Afghanistan, pronto ad intervenire per disattivare l’arsenale nucleare pakistano nel caso in cui cadesse in mani «nemiche». Nel frattempo, a vegliare sull’arsenale nucleare di Islamabad, pensano l’Nsa (l’Agenzia per lo spionaggio elettronico) e la Cia, monitorando via satellite gli spostamenti interni delle testate nucleari pakistane e delle rampe mobili di lancio. Al di là delle soluzioni di emergenza, si attende con ansia il discorso che il Obama terrà il 4 giugno al Cairo circa il riassetto del contesto mediorientale. In questa occasione il presidente americano, evidentemente, non potrà esimersi dall’enunciare le strategie di medio e lungo periodo definite dall’amministrazione Usa per stabilizzare un paese per lungo tempo considerato a Washington solido e affidabile e oggi sull'orlo di un collasso politico dalle conseguenze imprevedibili.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
Emanuele Confortin, 09-06-2009, 17:28
Buongiorno Francesco e Federico, sono l'autore del pezzo che voi avete gentilmente e opportunamente commentato (e per questo vi ringrazio).
La questione Pakistan è davvero delicata e molto complessa. Non si tratta di semplice lotta al terrorismo, ai Taliban o ad Al Qaeda. Il Pakistan è un Paese tanto potente quanto fragile, che dal 1947 (anno dell'indipendenza) ad oggi non ha mai vissuto una stabilità duratura, neanche apparente. Troppi i dissidi interni, e troppo alta la dipendenza del Governo Centrale dalle Forze Armate, a prescindere che il premier fosse Musharraf, Bhutto, Gillani o chi altro. All'interno dell'esercito pakistano ci sono forti correnti autonomiste, necessarie per preservare gli immensi interessi (industrie, banche, attività commerciali) gestiti direttamente dai vertici militari, in grado di fruttare ogni anno miliardi di dollari 'puliti', che secondo gli esperti rappresentano circa un terzo del giro d'affari totale originato dal mercato nero e dai traffici illeciti. In questo contesto, si inseriscono pericolosi legami tra i summenzionati leader militari e i gruppi che noi chiamiamo 'fondamentalisti' o 'terroristi', operanti in Kashmir, quindi in una prospettiva anti indiana, e in Afghanistan. Ebbene, storicamente l'Afghanistan ha sempre avuto buoni rapporti con New Delhi, ragion per cui i Taliban (cresciuti e formati in Pakistan) sono serviti ad Islamabad per rovesciare il precedente governo di Kabul e prendere il controllo, o destabilizzare, un Paese considerato pericolo e troppo vicino a quel lembo di territorio Kashmiro controllato dal Pakistan, dove corre la Karakorum Highway, importante via di collegamento che mette in contatto Islamabad alla Cina. Lungo questa direttiva passano miliardi di dollari in merci, armi, tecnologie da e verso Pechino, che punta sempre più sul Pakistan come nuovo sbocco verso il Mare Arabico, necessario per velocizzare i collegamenti con l'Africa e l'Europa, aggirando il pericoloso stretto di Malacca. Capirete benissimo come una forte alleanza, economica-politica-militare con il Dragone sia fondamentale per un Paese che si sente in qualche modo accerchiato da vicini ostili (India e Afghanistan, cui si aggiunge l'Iran), e costantemente incalzato dagli Stati Uniti. Per questo (e per molte altre ragioni) è sensato dire che i Taliban servano ad Islamabad, in particolare alle Forze Armate, che guarda caso danno il 'la' all'offensiva che si crede si sia chiusa con una vittoria contro il terrorismo, ma che in realtà ha avuto una funzione di immagine, una sorta di contentino per Washington, da dove, come avete giustamente segnalato, continuano ad arrivare fiumi di dollari. A parer mio, stando all'idea che mi sono fatto consultando diverse fonti, è molto difficile che il governo Zardari possa contribuire in misura sostanziale allo scardinamento delle organizzazioni 'fondamentaliste', Talebane e non, presenti nel proprio Paese. Non ho idea quale possa essere la soluzione, e nemmeno se ne esista una. Di certo ribadisco la pericolosità del Pakistan, mai come ora nodo centrale di quella vasta e instabile area geopolitica che parte dalla Palestina e arriva al Kashmir.

 
Federico Testadura, 26-05-2009, 19:22

Vien da dire meglio tardi che mai! I vertici militari di Islamabad hanno risposto alle continue incursioni Talebane sul proprio territorio, anche se resta il forte sospetto che i finanziamenti ricevuti per la lotta al terrorismo in questi anni siano stati dirottati più in funzione anti-indiana (vecchia ossessione!) che in funzione anti-talebana.

A dimostrazione che la guerra fredda in quei territori non è mai del tutto terminata.

Francesco Piana, 26-05-2009, 12:32

Proprio ieri pare (almeno secondo le fonti militari di Islamabad) che l’esercito pachistano abbia ripreso il controllo di Mingora, la principale città della valle dello Swat e roccaforte talebana.

C’è da chiedersi se effettivamente questo risultato conseguito dalle forze di sicurezza pachistane rappresenti una vittoria. La mia modesta impressione è che il governo di Islamabad sia di una fragilità estrema e che difficilmente potrà venire a capo – senza un maggiore coinvolgimento delle forze occidentali – della guerriglia talebana (come testimonia proprio l’introduzione della sharia in ampie aree del paese, accettata da parte del governo pachistano a patto che i fondamentalisti islamici deponessero le armi).