Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Digital divide all'italiana
rubrica
  • Identità italiana

Il divario digitale indica la differenza tra chi ha e chi non ha accesso a Internet e, più in generale, alle nuove tecnologie dell’informazione (Ict). Negli ultimi quindici anni diverse indagini, nazionali e comparate, hanno svelato i fattori responsabili di questa sorta di nuova diseguaglianza. A livello macro, sono importanti il contesto istituzionale, le politiche di regolazione, la struttura del mercato delle telecomunicazioni e la capacità di innovazione tecnologica di un Paese. Genere, età, istruzione, reddito, etnia, posizione professionale incidono invece a livello micro sulle chance individuali di accedere a Internet.Nella società dell’informazione, anche la Rete si configura dunque come una nuova fonte di disuguaglianza sociale. Nonostante l’entusiasmo iniziale con cui viene accolto Internet, il divario digitale indica presto il suo potenziale negativo, in particolare per alcuni gruppi sociali. Inoltre, una volta risolto il problema dell’accesso (digital divide), si scoprono disuguaglianze anche nell’uso (digital inequalities), interpretabili alla luce di fattori come la dotazione tecnica, le capacità cognitive, le reti sociali disponibili, la varietà e l’esperienza in Rete. Si parla in proposito di struttura delle disuguaglianze che si stratifica ulteriormente.

L’importanza dell’accesso e di un utilizzo “ricco” delle Ict è testimoniata dai programmi intrapresi dalla maggioranza degli Stati per favorire il superamento del digital divide e la costruzione di una società dell’informazione realmente inclusiva. Dai primi piani americani di Clinton e Gore, alla strategia di Lisbona e all’Agenda 2020 dell’Unione europea gli sforzi richiesti agli stati nazionali in tale senso sono tangibili. A che punto è l’Italia?

Il nostro Paese occupa quasi sempre le ultime posizioni nella graduatoria europea degli indicatori di Ict. Come si vede dalla tabella, quasi un italiano su due non ha mai avuto accesso a Internet e gli usi più ricchi del web – come la ricerca di un lavoro, l’acquisto di beni e l’interazione con la pubblica amministrazione – sono limitati. D’altro canto, valori inferiori alla media europea si registrano anche per la percentuale di imprese presenti sul mercato online, di famiglie con connessione broadband a casa e di servizi della pubblica amministrazione disponibili via web.

Nonostante i ritardi, il governo italiano non sembra interessato a impegnarsi concretamente sul fronte delle tecnologie e dell’information society. Per questo motivo le istituzioni regionali e locali si devono muovere autonomamente con politiche specifiche sui temi della e-inclusion e dell’e-government, riuscendo a conseguire risultati comunque innovativi e importanti. Parallelamente, anche l’opinione pubblica (specialmente con i media tradizionali) appare più interessata e sensibile ai temi di moda come il web 2.0 o i social network, dimenticando la persistenza del digital divide per ampie fasce di popolazione.

Guardando altrove, in Estonia Internet è ormai un diritto costituzionale e in Islanda non subisce nessuna forma di censura. In Finlandia la connessione broadband (1Mbps) è un diritto legale, mentre in Inghilterra si vuole portare entro il 2012 la connessione a 2Mbps per tutti. In Italia, 800milioni di euro per il broadband sono bloccati da anni, si fanno in ritardo le gare per il wi-max, non si discute di net-neutrality (nonostante il recente accordo Google-Verizon) e si escogitano progetti balneari per risolvere il digital divide (come il codice Azuni del ministro Brunetta) o norme censorie della libertà di espressione (si veda il c. 29, art. 1 del ddl sulle intercettazioni).

L’Italia si trova ancora una volta di fronte a un bivio e deve decidere se imboccare con decisione la via dell’innovazione o lasciarsi andare alla deriva, verso i mari ignoti dell’ignoranza tecnologica. Accumulare nuovi ritardi nella costruzione della società dell’informazione avrà conseguenze negative per lo sviluppo economico, politico e sociale del Paese nel suo complesso. Ma forse potrà continuare a garantire ancora per qualche tempo gli ascolti delle tv generaliste ai loro azionisti di maggioranza.

 

Indicatori di Information Society in alcuni Paesi europei per l’anno 2009 (valori percentuali).

 

Italia

Grecia

Spagna

Germania

Svezia

Eu27

Popolazione che non ha mai usato Internet

45

53

36

19

7

30

Famiglie con connessione broadband

39

33

51

65

79

56

Ricerca di lavoro via web

9

6

16

18

22

15

E-commerce (uso)

12

10

23

56

63

37

E-government (uso)

17

12

30

37

57

30

Servizi di e-government (disponibili online)

58

33

75

64

92

 

Imprese che vendono via web

4

6

10

18

21

12

Fonte: Europe’s Digital Competitiveness Report, 2010.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
Luigi Bertuzzi, 14-09-2010, 00:40
A chi spetta la decisione d'imboccare la via dell'innovazione?

Come si fa a cercare una risposta a questo tipo di domanda, se non ci si mette prima d'accordo su cosa si deve intendere per innovazione?

L'innovazione introdotta dall'uso della tecnologia [IT] è stata avviata circa 20 anni prima che l'IT diventasse un business e poi ICT.
 
In quei remotissimi tempi non si parlava mai d'innovazione.

Ci si confrontava con le enormi difficoltà d'uso dell'IT, in relazione al desiderio di trarne benefici per superare i limiti dell'umana capacità di fare [meglio] determinate cose.

Il business dell'IT ha stravolto la nostra capacità di percepire il senso dell'uso dell'ICT.

Come per una specie di principio d'indeterminazione
  • ... quando sapevamo poco e niente dell'IT riuscivamo ad innovarci usandola [quanti di noi sanno che il Web è stato inventato da "un ambiente utente" e non da un processo industriale?]
  • ... ora sappiamo tutto dell'ICT [ci stiamo seduti davanti e/o "ci abitiamo"] ma non abbiamo idea di quale sia il nostro potenziale innovativo [soprattutto individuale]
Laura Sartori, 02-09-2010, 12:29
Non c'è dubbio che le infrastrutture giochino un ruolo cruciale per lo sviluppo e - soprattutto - per la diffusione di Internet e di altre tecnologie. Costi contenuti e (reale) velocità di navigazione rendono la Rete attraente per un pubblico più ampio (cfr. dati Oecd sui prezzi di connessione). Tuttavia, la pura disponibilità tecnologica non garantisce e non "spinge" ad un suo uso effettivo. Molto incidono fattori culturali e cognitivi, perché gli individui "adattano" e non semplicemente "adottano" una tecnologia nella loro vita quotidiana.
Prima che si parlasse Mobile Internet, l'Italia già primeggiava per numero di cellulari rispetto a quelli dei pc in casa: e non solo per motivi legati ai costi. Prima della convergenza tra computer e cellulari quali piattaforme per Internet, computer e cellulari offrivano servizi e funzioni diverse. Oggi, se mi accontento di un uso abbastanza elementare (informazioni e email, per esempio) di Internet e ho già un cellulare, perché dovrei dotarmi anche di un computer? Io ho comunque accesso ad Internet, ma chi non è "interessato"? 
E' bene ricordare che l'evoluzione tecnologica (nuovi canali di accesso ad Internet o il broadband) non garantisce una riduzione del divario digitale e che i ritardi accumulati continueranno a pesare. 
E non è solo lasciando agire le forze di mercato che si risolveranno le drammaticamente basse percentuali di accesso a Internet in Italia.
Tommaso Gennari, 01-09-2010, 14:44
Inutile dire che la carenza dell'uso di internet in Italia ha enormi conseguenze un po' su tutti i piani, dalla politica, alla cultura, alle possibilita' di consumo.
A parte le mancate azioni "attive" da parte del governo, mi chiedo quanto conti in italia la mancata liberalizzazione di fatto del mercato delle comunicazioni via cavo (una azione "passiva", se vogliamo), dove l'ex monopolista Telecom e' ancora di fatto padrone.
A dimostrazione di questo, il fatto che la penetrazione di internet via dispositivi mobili in Italia e' tra i primi posti in Europa.
Secondo l'Osservatorio Mobile Content and Internet del Politecnico di Milano gli utenti unici al mese di internet mobile in Italia sono il 24% della popolazione, dato non dissimile agli equivalenti britannici, tedeschi o francesi. Per contro, secondo Eurostat, nel 2009 solo il 42% degli italiani 16-74 usava internet almeno una volta a settimana, contro il 75% dei britannici.
Luca Mottura, 26-08-2010, 12:27
Beh, insomma, che cosa si può mai dire di fronte a una tabella così? facciamo pena. Alla faccia di tutti i proclami del governo, la verità è sempre la stessa: i soldi non vanno là dove dovrebbero. Dove sono gli investimenti per la banda larga? I soldi vanno sempre in ville, cene e costosi optional ai politici di turno. Che tristezza!