Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
5/19
rubrica
  • fascicoli

Il 1989 è l'anno in cui la Storia non finisce, come aveva ipotizzato il politologo Francis Fukuyama riferendosi alla fine del XX secolo, ma rimette in discussione sé stessa. A poco più di tre decenni dalla Seconda guerra mondiale, la pace garantita dalla Guerra fredda sembrò potersi trasformare in una pace vera e duratura, libera dalle tensioni che segnavano il confronto tra il blocco sovietico e quello americano. Ciò che accade a Berlino nella notte del 9 novembre sembra preconizzare una nuova era. La forza fisica e morale con cui "Das Volk", il popolo, in quei giorni si torna a stringere intorno a una nuova idea di unità getta una nuova luce sul futuro di tutto il continente. Trascorrono soltanto tre giorni e, il 12 novembre, alla sezione della Bolognina, il segretario Occhetto annuncia "la svolta" e con essa la fine del Partito comunista italiano. Trent'anni dopo quegli eventi, di cui questo volume del "Mulino" si occupa ampiamente (si veda, tra gli altri, l'articolo del direttore Mario Ricciardi, liberamente scaricabile), che cosa resta di quei sogni di cambiamento? Quanto di quei progetti di costruire un'Europa finalmente libera dai condizionamenti dei grandi blocchi si sono realizzati e quanto invece resta ancora da fare? La sfida per mantenere le nostre democrazie è sempre più complessa, è vero; eppure le vicende che hanno segnato i nostri Paesi dal '45 ad oggi dovrebbero averci insegnato molto.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI