Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
  • Condividi Condividi
  • Stampa Stampa
Send to Kindle
Dal n. 1/09
Se i numeri raccontano un Paese
rubrica
  • Identità italiana

È sempre utile l’analisi comparata. A volte rassicura, mostrando che altrove le cose non vanno tanto meglio. A volte però lancia segnali d’allarme, cui non dovremmo restare indifferenti ma che nella maggior parte dei casi, invece, tendiamo a ignorare. Basta una semplice tabella, anche eccessivamente semplificata, per dare conto di situazioni allarmanti o per mettere in luce tendenze più o meno negative.
Che si tratti di dati comparati o invece di rilevazioni nazionali non affiancate ai dati di altri Paesi, non c’è dubbio che di numeri e di percentuali ne abbiamo in abbondanza. Tra indagini periodiche, rapporti, relazioni e via di questo passo, ogni anno la statistica e l’economia, la sociologia e la scienza politica ci mettono a disposizione una miriade di informazioni. Su cui, appunto, dovremmo riflettere. Prendiamo il caso degli ultimi cinque anni, periodo nel quale in Italia si sono succeduti tre governi e in Europa abbiamo
assistito a elezioni importanti con conseguenti cambi di direzione nelle diverse politiche governative. In questo periodo (ma potremmo andare ben più indietro nel tempo), dalle indagini multiscopo dell’Istat, ai rapporti periodici prodotti dall’Ufficio Studi della Banca d’Italia, alle relazioni di molti altri istituti di ricerca uscivano ritratti a dir poco preoccupanti dello stato economico di molte famiglie italiane. Eppure c’è voluto il «grande sboom»: c’è stato bisogno di un rallentamento globale dell’economia, di un rumoroso e catastrofico crollo delle borse, di una sensibile discesa dei principali indici economici per mettere in primo piano anche la crisi che tocca i portafogli delle famiglie. Pesantemente indebitatesi negli anni dei mutui concessi con disinvoltura, allora, e senza alcuna possibilità di risparmio, ora, le famiglie «medie», vale a dire milioni di famiglie italiane, sono in grave difficoltà.
Viene da chiedersi a che cosa siano serviti i tanti studi sulla povertà e sull’esclusione sociale, le relazioni sulla situazione sociale del Paese, insomma il lavoro di molti bravi e seri ricercatori. Chi li legge? Chi ne trae le conseguenze? Forse chi elabora e mette in pratica l’azione di governo non ci aveva fatto caso.

:: per ricevere tutti gli aggiornamenti settimanali della rivista il Mulino è sufficiente iscriversi alla newsletter :: QUI

Comments
Federico Testadura, 26-11-2009, 19:41
Tramontata l'epoca della vecchia famiglia italiana in cui si era da cinque persone a salire in un solo nucleo familiare, gli italiani si scoprono soli nei loro rapporti sociali. Mancano servizi sociali di qualità in diverse aree del paese, testimonianza della solitudine in cui versano i cittadini. Sono aumentati i nuclei familiari composti da una persona, diminuite le nascite (con evidenti squilibri futuri che se non compensati pagheremo caro nel rapporto giovani-anziani). Quella italiana è oggi una società basata sul pericolo. Già, ma quale pericolo? Quello che porta verso la povertà, la malattia, ecc. è diventato più probabile di quello che porta ad un buon risultato.
Marina Dani, 24-02-2009, 23:44

Ma chi pensa alle famiglie se non lo fa il governo? Non sono certo i contentini tipo i mille euro quando nasce un figlio che servono a qualcosa. Comunque è vero, che le cose vanno da schifo si sa da un pezzo, ma siamo tutti occupati a guardare il GF.