Rivista il mulino

Content Section

Central Section

immagine
Send to Kindle
Coccole e privilegi
rubrica
  • Identità italiana

Mentre le linee aeree eliminano progressivamente la prima classe e molte aziende incoraggiano i propri dirigenti a volare low cost, le linee ferroviarie ad alta velocità italiane – uniche in Europa e probabilmente al mondo -  raddoppiano invece il numero delle classi, che passeranno da due a quattro. Si  introduce così  una nuova forma di consumo vistoso e di distinzione di classe (sociale) che fa impallidire quella della mia infanzia. Quando c’era ancora la terza classe, fatta di panche di legno durissimo e la distanza sociale tra questa e la prima classe sembrava abissale. Oggi più di allora il treno sembra diventato uno degli elementi di stratificazione sociale, con le sue distinzioni – innanzitutto nella qualità del servizio, nella decenza (o indecenza) delle carrozze e nel numero di toilette effettivamente funzionanti – tra treni di pendolari e treni intercity e tra questi e i treni ad alta velocità ed ora anche all’interno di questi. Il tutto spesso a costo di un peggioramento del servizio per “gli strati bassi” e senza visibile miglioramento per quelli “alti”, salvo qualche coccola aziendale in più. Perché se poi il treno ritarda, come avviene di frequente, anche le classi (ferroviarie) alte perdono coincidenze e riunioni.
Non si tratta di fare del moralismo. Anche se una maggiore attenzione per i disagi e le vere e proprie indegnità cui sono sistematicamente esposti i viaggiatori nei treni comuni, non ad alta velocità, in un paese che fa parte del “primo mondo” non stonerebbe e dovrebbe anzi essere al primo posto in un paese civile. E’ proprio questo scarto che colpisce e induce a riflettere sulla immagine dell’Italia che anche questo, pur marginale, sviluppo propone e rafforza. Una Italia in cui si pensa che i pochi privilegiati per censo e rimborso spese possano permettersi, anche per iniziativa pubblica, tutti i lussi e togliersi tutte le voglie. Dove la classe dirigente è identificata come tale solo dai lussi che può permettersi ed esibire senza discrezione. Dove è la ricchezza, comunque conquistata, che dà riconoscimento e legittimazione.
Un altro segnale nella stessa direzione viene, sia pure indirettamente, dalla iniziativa della Luiss di istituire “corsi per la classe dirigente”. Iniziativa meritoria in sè e che forse andrebbe rivolta anche a molti che di questa classe fanno già parte. Ma gli studenti “rigorosamente reclutati” devono avere una fondamentale caratteristica di partenza: essere (o avere genitori) sufficientemente ricchi per sostenere il non indifferente costo del corso. Anche in questo caso, l’iniziativa italiana si discosta da quelle straniere cui pure dice di ispirarsi. Chi avesse davvero a cuore la formazione di una classe dirigente di qualità dovrebbe piuttosto investire in un reclutamento ampio, nella individuazione delle potenzialità presenti in chi non ne fa ancora parte per nascita. Quindi dovrebbe investire in borse di studio che consentano a chi merita, a chi è promettente, di essere selezionato e partecipare (ed anche vivere a Roma durante la frequenza). Altrimenti, come avviene sistematicamente in Italia,  si tratterà semplicemente di una iniziativa di auto-riproduzione e auto-conferma. Anche se, a differenza che nella prima classe dei treni ad alta velocità, ai fortunati non verrà offerto lo spumantino, ma il privilegio di qualche buona lezione e la patente di candidato alla “classe dirigente”.

Comments
Ugo Berti Arnoaldi, 20-03-2010, 15:57

Fa piacere scoprire che non siamo soli a viaggiare in treno e a scandalizzarci. Non solo di come i treni vanno e non vanno, di come sono e non sono mantenuti, ma di quella filosofia ferroviaria che, mirando evidentemente a riaccreditare il treno come mezzo di spostamento della classe dirigente, lo guarnisce di orpelli ridicoli ed «esclusivi». In prima classe i giornali, gli snack, un tempo le cuffie per ascoltare la musica; c’è stata persino l’effimera offerta di un servizio massaggi. E per tutti, il benvenuto a bordo, i menu del servizio bar e l’arrivederci gridati all’altoparlante; un tempo anche l’avviso, suadente nella versione inglese, che «a clean train is a nicer train».

Ha ragione Saraceno, quella immaginata dalla filosofia ferroviaria è una classe dirigente identificata dal consumo vistoso, sguaiata e pacchiana; una classe dirigente vista sui rotocalchi e sul Cafonal di Dagospia. Diciamola con un po’ di snobismo, che ogni tanto fa bene: è una costruzione immaginaria da parvenus.

Immaginaria? Ahimè, magari.

Con ciò si passa al secondo oggetto della nota di Saraceno, vale a dire i «corsi per la classe dirigente» istituiti dalla Luiss. E qui segniamo un dissenso. Non che non sia giusto un reclutamento aperto, e per merito; ma nel paese di Trenitalia ci pare già un piccolo significativo passo in avanti che la classe dirigente si preoccupi di formare se stessa e i propri figlioli a esser tale. Se l’Italia ha rischiato di essere rappresentata da Emanuele Filiberto di Savoia (o, che fa lo stesso, da suo padre) e la Fiat di essere guidata da Lapo Elkann, con tutti gli eccetera che le cronache quotidiane suggeriscono, sono da salutare con soddisfazione i corsi della Luiss, posto che siano dedicati almeno un pochino a riflettere sulla differenza fra ruling e business class, fra ENA e Billionaire.

 

Mara Gasbarrone, 17-03-2010, 09:27

Recentemente mi è capitato di viaggiare per lavoro sul tratto AV Roma Napoli. Diversamente dalla consuetudine, la mia azienda mi ha fornito di un biglietto di 2a classe (44 euro, solo andata). Mi domando quindi quale sia il mercato che le Ferrovie prevedono per le classi superiori, visto che già oggi i vagoni AV di prima classe viaggiano semivuoti.

Aggiungo che trovo offensive le code separate in biglietteria fra utenti normali e utenti AV; alle quale si aggiunge la scomparsa delle sale d'attesa. Il tutto configura una sorta di apartheid ferroviario.