Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Di che cosa ha bisogno l'università
, December 13, 2010

Il disegno di legge Gelmini sull’università in questo momento è sospeso. Forse passerà, forse no. Penso che sia una brutta legge, ispirata a un disegno punitivo nei confronti dell’università pubblica. Favorisce le università private e specialmente quelle telematiche, quelle che insegnano “a distanza”, senza professori o quasi: a me ha straordinariamente colpito che il CEPU, in questo disegno, venga equiparato a un’università.

Scuola Elementare "Geronimo Stilton"
, December 9, 2010

“A Roma il Consortium Torrino Mezzocammino dedica la nuova Scuola Elementare Statale a Geronimo Stilton, per promuovere i buoni valori che lui da sempre sostiene, l’inaugurazione il 10 dicembre alle 14.00 alla presenza del famoso topo giornalista...”.
Lo confesso: quando ho ricevuto questo comunicato stampa ho detto: “Naaa… E’ uno scherzo”. Si sono sbagliati.

Lunga vita a Facebook
, November 16, 2010

Il numero di settembre di «Wired» - il noto magazine statunitense - annunciava in copertina la morte del web e l’editoriale del direttore illustrava come la tradizionale funzione informativa stesse ormai cedendo il passo all’intrattenimento. Una recente ricerca della Nielsen Wire (ottobre 2010) non solo ha confermato questo dato, ma ha incoronato i social network come nuovi re del web.

Il miracolo delle ossa
, July 7, 2010

Porto Ercole, un sabato di luglio. Alle cinque della sera, un sedicente professore in abito blu sbarca dal veliero di Cesare Previti: ha in mano un’urna di cristallo che contiene alcune ossa umane adagiate su un panno di velluto rosso. Sono le ossa di Caravaggio. Sul molo – plaudenti – sindaci e politici vari, cameramen e giornalisti. Seguono i discorsi ufficiali, innervati da un unico tema: l’auspicio accorato che il mucchietto d’ossa scacci la crisi.

Grecia: senza rete?
, April 28, 2010

La crisi finanziaria greca è una brutta storia da raccontare e da commentare poiché rivela gravi errori, o addirittura malversazioni, nella nascita e gravi limiti nell’accertamento e nella gestione di un problema dentro Eurolandia. Cioè in un’area economico-monetaria che ha fatto della trasparenza dei bilanci pubblici dei Paesi aderenti e della coesione interna centrata sull’euro il suo punto di forza.