Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Dal numero 4/18
La precarietà invisibile
, September 20, 2018

Nonostante sia un tema al centro degli studi sociologici sul lavoro degli ultimi anni, non esiste una definizione univoca e comunemente accettata della nozione di precarietà del lavoro. Generalmente, il lavoro precario viene definito per negazione

Dal numero 4/18
La gig economy
, September 20, 2018

Provare a immaginare le tappe future del lungo cammino di trasformazione digitale del lavoro si rivela spesso un esercizio velleitario. Eppure le previsioni si sprecano, così come i tentativi di quantificare l’impatto della tecnologia sul lavoro in termini di distruzione e creazione di posti

Corbyn e l'antisemitismo
, September 5, 2018

La sconfitta subita dal Partito laburista alle elezioni del maggio 2015 ha portato alle dimissioni del segretario Ed Miliband, e quindi alla necessità di scegliere un nuovo leader. Il sistema di scelta è complesso; benché la candidatura richieda il supporto di un certo numero di parlamentari, il corpo elettorale è costituito dagli iscritti al Partito, non dai parlamentari. Tutti presumevano che avrebbe prevalso uno dei candidati più tradizionali.

Sulla legge che definisce Israele "Stato ebraico" votata dalla Knesset e ignorata dai media
Cose di ebrei
, July 23, 2018

La legge sullo Stato ebraico votata qualche giorno fa alla Knesset, la cui scarsa maggioranza (62 deputati hanno votato a favore, 55 contro) ha peraltro entusiasmato Bibi Netanyahu, merita qualche commento non tanto per il contenuto quanto per i suoi contorni e le omissioni.

La morte del regista di "Sapore di mare" e l'Italia di una stagione sopra le righe
L’ultimo film di Carlo Vanzina
, July 13, 2018

La morte di Carlo Vanzina ha generato una situazione tipica da film di Carlo Vanzina: la polarizzazione istantanea delle posizioni e delle figure. Complice l’inevitabile semplificazione di ragionamenti tipica dei social, si sono formate immediatamente le squadre dei sostenitori e dei detrattori (questi ultimi, a dire il vero, assai in minoranza).