Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Maestri, alunni e professori: va sempre tutto bene nelle classi della fiction italiana
Dove la scuola è sempre buona
, May 26, 2015

8 febbraio 2015, Raitre, ore 21.40 circa. Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, come da lunga consuetudine, al termine della puntata domenicale di Che tempo che fa, danno la linea alla successiva programmazione della rete: raccoglie il testimone Presadiretta di Riccardo Iacona, che dedica un’inchiesta alla riforma della scuola, raccontata in modo non troppo lusinghiero;

Sulla Biennale di Venezia 2015
Red Carpet per Karl Marx
, May 22, 2015

Rosso, un rosso vivo forse, certo un rosso come non si vedeva da tanto, è l’interno ovattato in cui va in scena Das Kapital Oratorio, dal Capitale di Karl Marx: una recitazione ininterrotta come di un libro sacro diretta dall’artista inglese Isaac Julien, che si è ispirato alla lettura continua del sacro Akhand Path dei Sikh. È la rossissima Arena il cuore pulsante della Biennale di quest’anno. Con grande spiegamento di moquette, infatti, la sala principale del Padiglione Centrale dei Giardini,

Strisce di Resistenza
, April 23, 2015

L’elasticità e l’immediatezza del fumetto hanno sempre trovato applicazioni felici alla cronaca del presente e al ricordo del passato. Ricorrenze importanti come questo 25 aprile ce lo mostrano con un numero e una varietà di edizioni e iniziative estremamente significativi: il linguaggio-fumetto gode di un momento vitale e felice e l’unico limite delle sue storie sono la fantasia e la creatività degli autori.

Ma si può anche non leggere. O no?
, April 23, 2015

Le librerie chiudono, i libri non si vendono. Tra le cose che l’Associazione italiana editori (Aie) si è inventata per metterci una pezza c’è #ioleggoperché, “una grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura” che per quanto si riesce a capire dal sito funziona così: ci si dichiara disponibili a diventare messaggeri, si ricevono gratuitamente a casa 6+6 copie di due diversi romanzi, scelti da una lista di 24, dopodiché si può “partecipare attivamente a tutte le iniziative di #ioleggoperché” (non mi è chiaro come, ma iscrivendosi si capirà). 

La serie "1992", a vent'anni da Tangentopoli
Ricomporre i frantumi
, April 14, 2015

Nel 1994, il fantomatico editore Otzium di Londra pubblica (in italiano) uno strano volume, dal titolo Berlusconi in Concert, firmato a quattro mani dal giornalista Gigi Moncalvo e dal docente Stefano E. D’Anna. Si tratta di un oggetto bizzarro, difficile da decifrare appieno, uscito certo in un anno non casuale ma presto scomparso, dimenticato, persino rimosso: è un manuale del buon imprenditore, ricco di massime motivazionali e altri voli pindarici; un’agiografia spudorata, che indica in Silvio Berlusconi il modello da seguire,