Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Dal numero 1/20
Cinque domande a Luigi Covatta su Craxi e la fine del Psi
, March 19, 2020

1. In occasione del ventennale dalla scomparsa di Bettino Craxi, la pubblicazione di diversi libri e l’uscita del film di Gianni Amelio hanno richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica su quella che rimane una figura controversa. Il passare del tempo non ha favorito, come sarebbe stato auspicabile, un dibattito politico e storico equilibrato

Dal numero 1/20
Intervista a Victoria de Grazia
, March 19, 2020

Per iniziare, ci potrebbe raccontare qualcosa delle sue origini famigliari e della sua formazione intellettuale? Quanto ha influito il contesto in cui è nata e cresciuta con la scelta dei suoi studi e delle sue linee di ricerca? Quali sono stati i suoi modelli culturali di riferimento?

Meno libertà, per il nostro bene
, March 3, 2020

Com’è possibile parlare dell’epidemia di paura del coronavirus? D’altra parte, com’è possibile non parlarne? Troppo di noi e del nostro presente si manifesta in questa ondata. Non parlarne significa rifiutare di tentare almeno una diagnosi – non medica né mediatica, per una volta – sul nostro stato di salute. Eppure, come parlarne, e come farlo in termini diversi dall’attualità e dalle forme da essa prestabilite?

Parlare del virus in democrazia
, February 25, 2020

L’emergenza sanitaria per l’epidemia da Coronavirus che in questi giorni si è estesa all’Italia non rappresenterà solo una prova seria e importante per il Sistema sanitario nazionale, ma lo sarà anche per molti altri aspetti, istituzionali e non, della vita pubblica del nostro Paese. Fra questi ce n’è uno connesso in modo cruciale alla gestione dell’epidemia di Covid-19 e alla possibilità di una discussione pubblica costruttiva su questo.

Opinioni: la nuova legge per il libro / 3
Il ruolo delle biblioteche
, February 24, 2020

Finalmente: è questa l’espressione che sento di fare mia nell’accogliere la notizia dell’approvazione del disegno di legge sulla promozione e il sostegno della lettura. Come tutte le norme di legge, avrebbe potuto essere migliore: perché il mondo delle possibilità è sempre più affascinante e suadente di quello reale, nel quale diventa molto facile evidenziare ciò che manca, ciò che non è stato abbastanza sottolineato, ciò che avrebbe potuto trovare spazio, e spazio invece non ha.