Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Culture
Opinioni: la nuova legge per il libro / 1
Una legge per il libro (e la lettura)
, February 11, 2020

L’approvazione in Senato del disegno di legge per la promozione e il sostegno alla lettura, la cosiddetta «Legge sul libro», vede scontrarsi due posizioni. Da un lato chi è convinto che andasse mantenuto l’impianto sostanziale della «Legge Levi», in vigore dal 2011, con un tetto massimo di sconto del 15% sui libri e campagne della durata, al più, di un mese con sconto fino al 25%; dall’altro chi invece ritiene che ci si debba adeguare ai principali Paesi europei

La settantesima edizione del Festival
Sanremo, fino all’ultimo respiro
, February 10, 2020

Ogni anno, ai primi di febbraio, per qualche giorno il nostro Paese sembra fermarsi, o almeno rallentare. Certo, è soprattutto un’illusione ottica, un temporaneo spostamento dell’attenzione dei media, e con essa della focalizzazione almeno parziale di una manciata di milioni di persone. Ma il Festival di Sanremo porta con sé la capacità – preziosa per alcuni, dannosa per altri –

Australia, una cultura che brucia
, February 5, 2020

Ben di mestiere appicca incendi. È nato nel bush, quella boscaglia talvolta fitta di alberi talaltra composta da arbusti gialli, bassi e puntuti che contorna l’Australia; è cresciuto in una giungla in cui i pitoni fanno compagnia agli ananas e ai bufali e ha una solida consapevolezza del territorio. Conosce le piante, le impronte e i versi degli animali, parla la lingua degli aborigeni, sa regolarsi con l’alternarsi delle stagioni

Sì, c’è fascismo
, February 4, 2020

C'è stato un tempo in cui i fascisti non facevamo mistero di essere fascisti. Era l’epoca del fascismo che sino al 1945 ha governato una parte non piccola del mondo. La settimana che si è appena conclusa ha segnato il 75° anniversario dalla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, l’“opera” più nota di quella stagione terribile, e dovrebbe indicare la nostra lontananza da quei tempi. Eppure il fascismo è ancora in mezzo a noi.

Dante nel pomeriggio
, January 23, 2020

Qualche anno fa un ministro della Pubblica Istruzione lanciò l’idea – o meglio la rilanciò, dato che ritorna con cadenza periodica, una volta a legislatura, e una volta a legislatura viene accantonata per mancanza di fondi, costo del personale, inidoneità delle strutture, eccetera – rilanciò l’idea di tenere aperte le scuole anche al pomeriggio, a beneficio degli studenti che hanno bisogno di ripetizioni o anche solo di un posto tranquillo per fare i compiti.