Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Bookshelf
L’Italia che non ci sta. Viaggio in un Paese diverso
Un sismografo sociale
, July 26, 2019

Lo strumento utilizzato dai geologi per monitorare i movimenti del sottosuolo è il più delle volte associato alla paura: quando un sismografo registra una serie di valori più elevati della media c’è da stare in guardia, perché potrebbe trattarsi di avvertimenti che preannunciano disastri.

Di questo tipo di sismografi nell’ultimo libro di Francesco Erbani non si parla esplicitamente, per quanto il terremoto e le sue conseguenze siano ben presenti nel racconto di un’Italia che, altrove, vedremmo definita per sbaglio come “minore”.

I settant’anni de "Il secondo sesso"
, May 24, 2019

Nel maggio 1949 usciva in Francia per le edizioni Gallimard Le deuxième sexe. Scritto da Simone de Beauvoir, filosofa, autrice di fortunati romanzi e protagonista dell’esistenzialismo francese, il libro, che si può considerare la prima opera del pensiero femminista contemporaneo, destò immediatamente un grande scalpore.

Wu Ming 1 contro la retorica di Ventotene e sull'Europa di oggi
La macchina del vento
, May 22, 2019

Sull’isola di Ventotene, in una delle conversazioni che si tenevano tra i prigionieri politici spediti al confino dal fascismo, Guido Ravaioli interrompe Sandro Pertini e pone ai suoi compagni di prigionia una domanda: Cosa può dare questo libro a noi, oggi e qui?

Il libro di cui si discute in quel frangente è La macchina del tempo di H.G. Wells, ma il quesito vale anche per chi si approccia al nuovo lavoro da solista di Wu Ming 1. Cosa può dare a noi, oggi e qui, il suo libro? In fondo questa domanda e la sua possibile risposta attraversano senza soluzione di continuità

Una Spoon River napoletana
Quartieri Spagnoli
, May 14, 2019

Qualche anno addietro, in un seminario internazionale che si svolgeva a Napoli, Enrico Pugliese disegnò su una lavagna una mappa della struttura socio-spaziale della città che distingueva quattro differenti aree: la “città di Ford”, ossia le aree a Est e a Ovest di Napoli, sede di grandi fabbriche smantellate come l’Italisider di Bagnoli, chiusa nel 1993; la periferia a Nord Est di Napoli, con alcuni caratteri comuni all’iperghetto descritto da Wilson, in primo luogo la de-professionalizzazione dei giovani e l’isolamento sociale derivante dall’aridità del contesto; la “Città di Un posto al sole”, ossia i quartieri residenziali collinari dove è ambientata la nota serie televisiva,

Valutare meno, valutare meglio
, May 7, 2019

La questione della valutazione secondo criteri meritocratici – esibiti, applicati, abusati a seconda dei casi e delle opinioni – riaffiora di tanto in tanto nel dibattito pubblico italiano, per lo più in forma strumentale. Una felice eccezione è il volume di Mauro Boarelli, Contro l’ideologia del merito (Laterza, 2019),