Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Legge 194 e obiezione di coscienza
, March 26, 2014

Grande rilievo è stato dato dai media al recente documento di condanna in cui il Comitato europeo dei servizi sociali, organismo del Consiglio d’Europa, afferma che l’Italia, a causa dell’elevato e crescente numero di medici obiettori di coscienza, vìola i diritti delle donne che vogliono avvalersi della legge 194/1978 sull’interruzione di gravidanza.

Babbo e mamma, semplicemente
, March 24, 2014

Siamo una bella famiglia, noi italiani. E, come capita in famiglia, non possiamo avere tutti lo stesso ruolo: qualcuno decide, gli altri facciano il piacere di abbozzare. Così mercoledì scorso, 19 marzo, ha sostenuto il presidente Matteo Renzi nelle sue comunicazioni al Parlamento in vista del Consiglio europeo. Molte di più sono le cose affrontate nel suo discorso. Il passaggio familiar-familistico si riduce a poche righe, ma ha una sua pregnanza. Per chi non ne avesse apprezzato in diretta la filosofia, lo riportiamo alla lettera. Il contesto è quello della spending review, ossia della revisione della spesa. Detta così, in italiano, l’operazione risulta più dolorosa. Come il latinorum di Don Abbondio, l’inglesorum a questo serve: a gabbare quel babbeo di Renzo, al singolare. Il jobs act insegna. 

A proposito di Silvio Berlusconi a colloquio con il presidente della Repubblica
Di forma. E di sostanza
, March 13, 2014

È probabile che chi si è detto indignato per il fatto che il presidente Napolitano, durante il giro delle consultazioni per la formazione del nuovo governo, abbia incontrato Silvio Berlusconi

Riceviamo e volentieri pubblichiamo
Traditori
, March 4, 2014

Cara rivista “il Mulino”,

ti confesso che in questi anni più volte ho pensato di tornare a scriverti, ma ho sempre accantonato l’idea. Ora leggo che il nuovo governo, presieduto dal giovane Renzi, sarebbe l’ultima spiaggia, l’estrema possibilità per salvare il Paese.

Stracciarsi le vesti
, February 20, 2014

È consentito dire che l’eccesso di scandalizzati per come si è giunti alla crisi e sostituzione del governo Letta appare un bel po’ bizzarro? L’improvviso revival di fede parlamentarista temo faccia il paio con l’altrettanto periodico revival di antiparlamentarismo che anima la cultura degli intellettuali italiani.