Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Per quanto riguarda l’Italia
, May 26, 2014

Oltre ad alimentare i giornali e intrattenere le chattering classes alla vigilia delle elezioni, che ci stanno a fare i sondaggisti? Mentre cerco una risposta a questa domanda, fisso tre punti che mi sono venuti in mente stamattina presto, mentre ascoltavo i risultati italiani delle elezioni europee. Tutti e tre riguardano l’Italia: per l’Europa il quadro è differenziato, e quello francese veramente preoccupante, ma occorrerà maggiore riflessione per decifrarlo. 

Chi ha votato 5 Stelle?
, May 26, 2014

Dopo una campagna elettorale estenuante, monopolizzata dalla contrapposizione tra Grillo e Renzi, un dualismo che ha quasi completamente messo in ombra Berlusconi, si apre oggi la fase del post-voto. In questo appuntamento elettorale il MoVimento 5 Stelle ha dovuto affrontare un nuovo esame di maturità, un test - superato, per usare un eufemismo, poco brillantemente - sulla sua capacità di mantenere quel consenso, trasversale ed eterogeneo, raccolto alle politiche.

Qualsiasi rabbia, qualsiasi speranza
, May 21, 2014

Grillo da Vespa, Renzi da Barbara D’Urso. Le prossime elezioni europee saranno la tomba politica di Silvio Berlusconi – già uscito sconfitto dalle urne, ma giammai tradito dalla sua base culturale, dai consumatori del suo prodotto telepolitico: persone educate per vent’anni allo spettacolo, che oggi guardano altrove, verso nuovi prestigiatori.

Segreti e Stato
, May 6, 2014

Negli ultimi mesi, in più occasioni, la stampa ha ripreso alcune dichiarazioni di rappresentanti delle nostre istituzioni riferite all’eventuale esistenza del “segreto di Stato” su determinate vicende occorse nella storia recente e sulla conseguente opportunità di rendere conoscibili alcune delle informazioni riguardanti tali episodi.

Il Senato e la riforma costituzionale
, April 24, 2014

Il Parlamento della XVII legislatura è stato eletto con una legge definita, un anno dopo le elezioni, per aspetti rilevanti contrari alla Costituzione. La Consulta, che certo non è un organo eversivo del parlamentarismo, ha sottolineato con chiarezza che la sua sentenza non interferisce con il funzionamento regolare (che va inteso a nostro avviso come “pieno”) dei supremi organi dello Stato.