Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
La casa come strumento per escludere
, October 2, 2015

Il sindaco leghista di Bondeno, ha annunciato di voler usare la Tasi e l’Imu per tenere i migranti alla larga dal suo comune. I suoi concittadini sono avvertiti: chi li ospiterà pagherà queste due imposte (per la Tasi prima casa, governo permettendo) calcolate con le aliquote massime consentite. 

Chi amministra i beni confiscati alle mafie?
, September 30, 2015

La sinossi, come sempre. La sinossi, infatti, tra il testo originario del d.l. 4/2010, che istituiva l’Agenzia nazionale per i beni di mafia, e la legge 50/2010 di conversione di quel provvedimento sarebbe la migliore rappresentazione della partita giocata allora tra poteri dello Stato per affermare la propria governance nel settore strategico dei patrimoni sottratti alla criminalità. Governo e una parte della magistratura si sono dati battaglia sul testo di quel decreto legge,

I veri problemi di un Senato federale
, September 17, 2015

Non c’è grande Paese europeo nel quale i dislivelli sociali, culturali, economici e amministrativi tra i suoi diversi territori siano più accentuati dei nostri, in cui esista da sempre una “Questione meridionale”, il più grave problema dello State and Nation building italiano.

Anticipazione dal n. 5/2015
Renzi, stick to your guns
, September 10, 2015

Renzi è riuscito sinora a trasmettere l’immagine di un governo innovativo e riformatore: sul merito e la qualità delle innovazioni e delle riforme c’è dissenso, ovviamente, ma ad esse anche i critici più ostili non negano una certa incisività e coerenza d’insieme. È riuscito anche a trasmettere l’immagine di un governo che intende rispettare gli impegni assunti con i trattati europei

Sbagliare è umano, insistere è renziano
Una riforma sbagliata
, September 9, 2015

Senza scomodare i Costituenti, i quali, pure, ebbero legittime preoccupazioni di rappresentanza politico-territoriale e di equilibri fra le istituzioni, esistono (ed esistevano) due alternative decenti al pessimo testo Renzi-Boschi che verrà fatto ingoiare ai senatori, ma che i giornalisti italiani, ignari di altre esperienze e da sempre poco interessati alle questioni istituzionali, hanno già metabolizzato.