Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
A proposito dell’ennesimo dibattito, o presunto tale, su una “nuova” legge elettorale
The never ending game
, September 16, 2019

Tornare alla proporzionale? Vantare improbabili meriti maggioritari? Di che cosa si sta parlando? Facciamo il punto nella solita confusione derivata sostanzialmente dall’assenza di conoscenze minime in materia elettorale. Qualche volta mi piacerebbe sentire dalla persino troppo viva voce di molti dei protagonisti quale libro oppure anche soltanto quale articolo hanno letto sui sistemi elettorali.

Degenerazioni del nuovo tripolarismo italiano
Incompetenti, incontinenti e inappetenti
, September 10, 2019

Quando lo scenario politico cambia con tale velocità e imprevedibilità, l’errore fatale dell’analisi politica è quello di affidarsi per inerzia e conformismo a parole e categorie fossilizzate, cercando di adattarle a tutti i costi a una cronaca quotidiana le cui logiche,

Il governo upupa e la “Terza Repubblica”
, September 9, 2019

Dalla complicatissima sequenza politica che sembra concludersi con la formazione del nuovo governo, trapela un elemento particolarmente interessante. In estrema sintesi, abbiamo assistito alla trasformazione di una crisi politica per certi versi inedita, in una crisi parlamentare che sembrava quasi classica, da Prima Repubblica.

Discutiamo pure di #Rousseau, ma per capire (e smontare pezzo a pezzo) il Movimento
Prendere sul serio il M5S
, September 4, 2019

Oltre 73 mila iscritti alla «piattaforma Rousseau» hanno cliccato «sì» al Conte bis e così oltre 60 milioni di italiani avranno un governo. Il giorno prima della votazione, Luigi Di Maio aveva motivato la base digitale con queste parole: «Il mondo aspetta questa espressione democratica del vostro voto per conoscere il futuro dell’Italia».

Conversazione democratica senza insulti sui meccanismi interni ai partiti
Quanto malposto rumore su #Rousseau
, September 4, 2019

Riconosco ai partiti e ai non-partiti con il loro non-statuto, ai movimenti più o meno personali e personalizzati, a tutte le associazioni politiche il diritto a scegliere come regolamentare la loro vita interna in qualsiasi forma e modalità preferiscano.