Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Non sappiamo nulla di Ostia
, November 13, 2017

La testata di un malavitoso locale a un giornalista ha portato di colpo Ostia – e non il X municipio di Roma – al centro del dibattito politico e mediatico. Difficile dire se sia un bene o un male. Da settimane, come era già capitato dopo lo scioglimento del municipio per mafia nel 2015, osserviamo un’area che comprende periferie urbane di Roma, suburbia benestante in stile americano, nuovi insediamenti frutto di una speculazione edilizia concordata con gli enti locali,

Dal numero 5/17
Tra ideologia debole e paradosso della leadership
, November 9, 2017

Quasi cinque anni sono passati dallo straordinario successo elettorale del Movimento 5 Stelle alle elezioni politiche del febbraio 2013, e quello che allora avevamo definito «un web-populismo dal destino incerto» (Il partito di Grillo, a cura di P. Corbetta e E. Gualmini, Il Mulino, 2013) si presenta ormai come un fenomeno consolidato

Dal numero 5/17
L'evoluzione dell'elettorato: un partito pigliatutti?
, November 9, 2017

Nell’arco di pochi anni il Movimento 5 Stelle è riuscito ad ampliare i propri consensi oltre ogni aspettativa. Il partito fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio non solo si è affermato come la lista più votata alle elezioni del 2013 per la Camera dei deputati, ma continua a rappresentare – perlomeno stando alle intenzioni di voto rilevate da diversi istituti demoscopici – il 30% circa dell’elettorato italiano.

Dal numero 5/17
Verso le elezioni: le prospettive del M5S
, November 9, 2017

A rileggere i commenti alle vicende del Movimento 5 Stelle dalla sua fondazione a oggi sembra di risentire la voce dei personaggi di un vecchio sketch di Vittorio De Sica e Umberto Melnati (poi ripreso dai Carosello della China Martini con Calindri e Volpi):

Dal numero 5/17
Comunicare il Movimento: da fuori a dentro il sistema
, November 9, 2017

Era l’8 settembre 2007 quando andava in scena – letteralmente, su un palco – il «Vaffa day». Da lì sarebbe partito il Movimento 5 Stelle, una startup partitico-movimentista di enorme successo che ha mutato il panorama politico nazionale introducendo un contesto tripolare.