Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Conversazione democratica senza insulti sui meccanismi interni ai partiti
Quanto malposto rumore su #Rousseau
, September 4, 2019

Riconosco ai partiti e ai non-partiti con il loro non-statuto, ai movimenti più o meno personali e personalizzati, a tutte le associazioni politiche il diritto a scegliere come regolamentare la loro vita interna in qualsiasi forma e modalità preferiscano.

Discutiamo pure di #Rousseau, ma per capire (e smontare pezzo a pezzo) il Movimento
Prendere sul serio il M5S
, September 4, 2019

Oltre 73 mila iscritti alla «piattaforma Rousseau» hanno cliccato «sì» al Conte bis e così oltre 60 milioni di italiani avranno un governo. Il giorno prima della votazione, Luigi Di Maio aveva motivato la base digitale con queste parole: «Il mondo aspetta questa espressione democratica del vostro voto per conoscere il futuro dell’Italia».

Cambiare: se non tutto, quasi
, August 29, 2019

Dunque alla fine incarico a Conte. È in questo modo che sta per partire il secondo esecutivo della XVII legislatura. Un governo che, in particolare in queste ultime ore, cerca di presentarsi all’insegna della discontinuità con uno dei peggiori dell’intera storia repubblicana sarà guidato dallo stesso premier. Non male come discontinuità.

Un’azione di governo credibile / 1
In Europa, per contare e cambiare
, August 29, 2019

A ben vedere non erano molti i punti su cui Lega e Movimento 5 Stelle avessero prospettive convergenti: uno di questi era però sicuramente l’euroscetticismo. È vero che l’euroscetticismo (come del resto l’europeismo) è un orientamento piuttosto trasversale, con molte facce, in Italia come altrove in Europa.

Un’azione di governo credibile / 2
Un Parlamento di nuovo al centro della scena
, August 29, 2019

La scelta del Partito democratico di inserire nei punti non negoziabili la menzione del “pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa” può essere letta in molti modi. Il primo, e forse più ovvio, è la volontà di contrapporsi tanto al mito della democrazia diretta che sarebbe resa possibile dalle tecnologie digitali quanto al ritorno in auge della democrazia plebiscitaria legata all’uso spregiudicato dei social network.