Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
Dignità? C’è tanta strada da fare
, July 4, 2018

Il dibattito sui temi di diritto del lavoro in Italia è spesso preda di un sensazionalismo che impedisce approfondimento e soluzioni ragionate.

Le misure introdotte dal “Decreto Dignità” si limitano a qualche modifica sulla disciplina del lavoro a termine, della somministrazione di lavoro e del licenziamento ingiustificato. Fa quindi sorridere che si sia scomodata la “dignità” del lavoro per questa manciata di norme, non solo da parte del legislatore ma anche degli editorialisti di prestigiosi quotidiani. Con buona pace del ministro Di Maio, le modifiche sono ben lungi dal rappresentare la “Waterloo del precariato”,

Dopo l’articolo di Carlo Trigilia / 8
Il crollo di un progetto velleitario
, June 26, 2018

Nel 2007 ero da dieci anni iscritto ai Ds, i Democratici di sinistra, l’unico partito di cui ho mai preso la tessera. Quando iniziò la battaglia per portare i Ds all’incontro con la Margherita con l’obiettivo di dare vita a un Partito democratico, “scesi in campo” a sostegno della Mozione 3 che suggeriva di procedere lentamente attraverso una prima fase federativa.

Cambiare registro
, June 25, 2018

C’è chi la chiama politica dell’annuncio, chi “teatrino della politica”, chi telepolitica. Gli studiosi parlano di mediatizzazione, per cui quanti vogliono un’adeguata visibilità si conformano alle logiche dei media e sparano dichiarazioni che càlzino a pennello per i titoli dei tg e dei principali siti, casomai ricorrendo alla diretta Facebook

Dopo l’articolo di Carlo Trigilia / 7
I percorsi obbligati del Pd
, June 25, 2018

Mai, tolta la stagione del terrorismo politico e mafioso, l’Italia repubblicana ha vissuto una stagione tanto difficile e angosciosa. Imperversa un governo d’estrema destra, a conduzione Salvini. Un governo di destra ci sarebbe stato comunque. Avesse vinto il centrodestra, Salvini avrebbe verosimilmente sopraffatto Berlusconi, che è avanti negli anni, logoro e preoccupato unicamente del futuro delle sue aziende. 

Eppure ancora non ci preoccupiamo
, June 20, 2018

Le sparate crudeli di Matteo Salvini ci devono preoccupare, ma non ci possono stupire. Eppure, sembra che ci stupiscano e non ci preoccupino.

Coerente con la biografia e la carriera del nostro ministro degli Interni, il proclama contro i rom – «ne faremo un censimento, gli italiani purtroppo ce li dovremo tenere» – viene subito dopo la chiusura dei porti ai naufraghi della Aquarius