Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
La Coppa del legittimo impedimento
, December 22, 2010

Dopo molti anni il Milan è tornato in testa al campionato di calcio. Mentre i cugini dell’Inter, pur campioni del mondo, soffrono per dissensi tra allenatore e società, i rossoneri sembrano marciare col vento in poppa. Ma il loro presidente è lungimirante, non riposa sugli allori e, anzi, si adopera per rinforzare la squadra. Per questo, prima ancora dell’ultima, inopinata, sconfitta in casa con la Roma, aveva proposto all’allenatore Allegri la possibilità di utilizzare 3 giocatori il cui cartellino era libero e che erano transitati senza costo alcuno nelle sue fila: Calearo, Cesario e Scilipoti.

Il "mondominio" Hotel House
Emergenze urbane e minoranze
, November 30, 2010

L’Hotel House è un enorme condominio (480 appartamenti) abitato da più di 2.000 persone, il 90% immigrate da altri Paesi, che si innalza solitario nella parte meridionale della cittadina di Porto Recanati (11.959 abitanti), nel Sud delle Marche.

Un patto contro la mafia
, November 20, 2010

Contro la mafia ognuno deve fare la sua parte. Nella lotta alla mafia possiamo fare tanto tutti noi, a partire dalla politica, ha dichiarato ieri il presidente della Camera, Gianfranco Fini, aggiungendo che la mafia è ovunque, anche al Nord, ed è presente dove c’è la possibilità di muovere denaro.
Concordiamo con l’onorevole Fini: ognuno deve fare la sua parte, soprattutto la politica.

Le primarie vi salveranno
, November 18, 2010

Primum vincere (le primarie), deinde philosophari. L’importante, però, è sapere su quale fenomeno politico debba essere esercitata la nostra filosofia politica. L’esercizio comincia sulla semplice e essenziale, ma cruciale, definizione di “primarie”. L’elezione di un segretario di partito (che sia Veltroni oppure Bersani non cambia) ad opera degli iscritti e dei simpatizzanti di quel partito non è affatto una primaria.

La famiglia a parole
, November 11, 2010

Demoralizzato dal rifiuto ricevuto dal presidente di una grande casa di produzione discografica alla quale aveva presentato un progetto artistico, Groucho Marx scrive che è triste sapere che un professionista di quel calibro non distingua la Quinta sinfonia da Perché è un bravo ragazzo.