Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Identità italiana
La vittoria del “partito nazionale” di Salvini
, March 27, 2019

È ormai diventato un luogo comune attribuire ad ogni elezione che si svolge in Italia una valenza e un interesse “nazionale”. L’alta volatilità, la misura di quanti votano in maniera diversa dalla precedente elezione e che è divenuta una caratteristica degli elettori italiani degli ultimi anni, oltre a rendere difficilmente prevedibile il risultato, fa in modo che ogni elezione, di qualsiasi livello, diventi una prova di verifica sulla consistenza dei partiti nazionali.

Dal numero 1/19
Come nasce una classe dirigente
, March 21, 2019

Pongo, e mi pongo, innanzitutto una domanda: che cosa intendiamo, oggi, quando parliamo di classe dirigente? Che cos’era la classe dirigente ieri? E che cosa è cambiato (se è cambiato) nei processi di formazione delle classi dirigenti?

E dopo il trasloco?
, March 12, 2019

Un milione e mezzo circa di simpatizzanti ha partecipato all’elezione del segretario del Pd. Nicola Zingaretti. Delle sue idee di quale Pd vorrebbe (ri)costruire poco si sa. In campagna elettorale non ne ha parlato. Adesso sappiamo che vuole “sbaraccare”. Il suo primo atto sarà un trasloco. Il quarto in una decina d’anni.

Questioni primarie 2019/6
Il richiamo delle primarie
, March 11, 2019

Il “popolo del Pd” ha risposto anche questa volta al richiamo delle primarie”. Il “rito fondativo”, l’aveva definito Arturo Parisi. Teorico del passaggio dall’Ulivo dei partiti al partito dell’Ulivo. Cioè: il Pd. Successivo al “centrosinistra senza trattino”. E all’unione dei partiti di centrosinistra (appunto). Il primo “ambiente politico” a sperimentare questo metodo di scelta del leader. Attraverso il coinvolgimento diretto dei militanti e dei simpatizzanti.

La “deriva ungherese” del diritto del lavoro
, March 8, 2019

Il governo gialloverde prepara la più grande deregolamentazione del diritto del lavoro dell’epoca repubblicana. E, soprattutto, lo fa in silenzio.

Nel turbinio di notizie e polemiche che maggioranza e governo generano ogni giorno, è passata del tutto inosservata una decisione del Consiglio dei ministri del 28 febbraio scorso.