Rivista il mulino

Content Section

Central Section

La truffa Volkswagen danneggia tutta l’industria tedesca
C’era una volta un mito
, September 23, 2015

Un mito vacilla, quel­lo della superiorità del model­lo industriale tedesco. Quan­te volte abbiamo sentito vantare la qualità e l’affidabilità dei pro­dotti tedeschi, soprattutto nel campo dell’automobile! Ancora all’inizio di quest’anno c’era chi auspicava che Fiat-Chrysler si de­cidesse a vendere il marchio Al­fa-Romeo a Volkswagen, che avrebbe saputo valorizzarlo di più. 

Barriere, cemento, filo spinato
Serbia-Ungheria: questioni di filo spinato
, September 21, 2015

Fino a qualche mese fa, la Serbia viveva lontana dalla questione rifugiati. Sostanzialmente era un problema percepito come distante, che gravava su altre parti d’Europa: le persone in fuga dalla guerra erano un’immagine vista in tv, identificata con i barconi strapieni che attraversavano il Mediterraneo. 

Barriere, cemento, filo spinato
Balcani: i muri dell’insicurezza
, September 21, 2015

Bulgaria sud-orientale, confine con la Turchia. Due linee di filo spinato si dipanano lungo le alture boscose, correndo parallele verso l’orizzonte. Una è arrugginita e dismessa: eco lontana della cortina di ferro, il suo scopo era impedire – anche a costo della vita – la fuga dal blocco sovietico.

Barriere, cemento, filo spinato
Bosnia: i muri invisibili
, September 21, 2015

Vent’anni fa, a Dayton, i negoziatori americani avevano due obiettivi: mettere fine alla guerra in Bosnia Erzegovina e porre le basi di uno Stato funzionale. Il primo obiettivo è riuscito, il secondo no. Il fallimento della Bosnia di Dayton, in quanto progetto politico, è alla base della costruzione dei muri invisibili che oggi dividono il Paese.

Barriere, cemento, filo spinato
Ucraina: in fuga dalla guerra
, September 21, 2015

Un milione e mezzo di persone, più dell’intera popolazione di Milano. È questa la dimensione dell’emergenza degli sfollati della guerra in Ucraina. Una crisi che non lambisce le nostre coste, non minaccia i nostri confini ma non per questo richiede meno attenzione da parte dei Paesi occidentali.