Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Profughi o clandestini?
, June 19, 2015

Molte delle difficoltà attuali, nelle drammatiche vicende dell’immigrazione che si svolgono nel Mediterraneo e hanno ripercussioni in tutta Europa, risiedono nella distinzione tra migranti economici e richiedenti asilo.

Sul piano giuridico è tutto chiaro: il profugo fugge da una delle persecuzioni elencate nella Convenzione di Ginevra del 1951 (ad esempio per motivi politici o religiosi) e, presentando domanda alle autorità competenti,

Le migrazioni oltre l'emergenza
, June 10, 2015

L’irrompere delle migrazioni africane e mediorientali ha posto una serie di delicate questioni alla Comunità europea di cui è evidente testimonianza il recente documento approvato il 13 maggio dalla Commissione europea (A European Agenda on Migration).

Questo documento ha il merito di non perdere di vista la fondamentale distinzione tra azioni di emergenza e azioni di lungo periodo nel trattare un problema così delicato, come quello delle migrazioni internazionali,

La crisi greca e la solidità europea
, May 13, 2015

Le notizie incrociate che vengono da Bruxelles e Atene non sono buone. Nonostante le dichiarazioni di facciata, le istituzioni europee si stanno preparando per la possibile uscita della Grecia dall’area euro, un fatto dato per più che probabile dall’industria finanziaria. In Grecia intanto ci si barcamena come si può, cercando di guadagnare tempo, tra mancanza di liquidità, pagamenti in scadenza e cambiamenti nella delegazione che discute con i successori della Trojka.

Il caso delle ultime elezioni in Gran Bretagna
Quando i cattivi sondaggi influenzano la politica
, May 11, 2015

Le conseguenze politiche delle elezioni del 7 maggio 2015 in Gran Bretagna sono una chiara dimostrazione di quanto i sondaggi elettorali possano influenzare la politica. Le dimissioni del leader laburista Ed Miliband sono l’effetto di uno shock dovuto a delusione delle aspettative alimentate (anzi create) dai sondaggi.

A proposito dell'identità europea minacciata dalle migrazioni di massa
Migranti senza-Stato
, April 30, 2015

L’Europa ha cercato di diventare un modello di nuova cittadinanza. È questa una delle ambizioni più nobili del progetto di Unione europea. Teorici e giuristi hanno parlato in proposito di un nuovo paradigma di libertà politica capace di dissociare la cittadinanza dall’appartenza nazionale, una rivoluzione non meno radicale di quella del 1789 se è vero che, come ha scritto Hannah Arendt nelle Origini del totalitarismo, la Nazione ha conquistato lo Stato rendendo la cittadinanza uno status prima di tutto di esclusione.