Rivista il mulino

Content Section

Central Section

Dal numero 1/19
Un orizzonte democratico per l'economia europea
, March 21, 2019

Allo stato attuale della cultura prevalente e dei rapporti di forza esistenti, molte delle modifiche desiderabili e indispensabili nell’architettura istituzionale e nelle politiche economiche e sociali dell’Unione europea possono apparire poco realistiche.

Dal numero 1/19
Dieci anni di crisi. O quaranta?
, March 21, 2019

Il 2018, apertosi in Italia con la vittoria di Movimento 5 Stelle e Lega alle elezioni politiche, in Francia si è chiuso con le proteste dei gilet gialli che, sia pur in modo confuso e a volte contraddittorio, hanno tentato, almeno in un primo momento, di portare avanti rivendicazioni di maggiore giustizia sociale e di uno Stato che torni a proteggere le classi più sfavorite.

#fridayforfuture
, March 15, 2019

Il 20 agosto del 2018 una ragazzina svedese di quindici anni si siede davanti al Parlamento di Stoccolma. Stazionerà lì tutti i venerdì, bigiando la scuola. Quell’estate, la scorsa estate, la Svezia viene colpita da una serie mai vista di incendi boschivi. Sino ad allora non si è mai assistito a nulla del genere, tanto che il Paese scopre di non essere attrezzato a sufficienza per contrastare il fuoco

Volt e la visione dell’Europa che piace ai giovani
, March 12, 2019

All’alba del voto inglese che nel 2016 ha fatto tremare l’Europa e che continua a tenerla con il fiato sospeso, un ragazzo italiano, una ragazza francese e un ragazzo tedesco reagiscono allo sgomento e al timore sondando il terreno con una pagina Facebook e un sito per capire se, davvero, gli europei hanno smesso di credere nell’Europa unita.

Un secondo referendum su Brexit
, February 20, 2019

Nella sua famosa allegoria della democrazia come nave di Stato, Platone rappresenta il popolo come un capitano un po’ sordo, un po’ miope e con una conoscenza del mare insufficiente e inadeguata, contornato da una ciurma di marinai litigiosi e attaccabrighe, a immagine dei politici e dei demagoghi. Sin qui, questa metafora sembra dipingere perfettamente la situazione della politica inglese di oggi