Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Kobane, 5/10/2015
, October 5, 2015

La Stalingrado dei curdi. Mi sveglio all’alba. Il mio interprete e la mia scorta dormono ancora; dopo la doccia esco dall’albergo-ostello appena rimesso a nuovo e gestito dal governo del Rojava – la piccola, indomita regione autonoma curdo-siriana schiacciata tra la frontiera turca e il territorio controllato dall’Isis.

Washington, 1/10/2015
, October 1, 2015

Il papa delle fratture? Papa Francesco è tornato a Roma. E se i mille gadget che hanno accompagnato la sua visita rimarranno sugli scaffali dei negozi di souvenir per molto tempo ancora, a noi rimane da capire cosa resta del vortice mediatico, emozionale, (geo)politico ed ecclesiastico con il quale il pontefice ha travolto gli States.

Barcelona, 28/9/2015
, September 28, 2015

Una Catalogna spaccata a metà. Artur Mas e gli indipendentisti catalani cantano vittoria, ma una cosa è la propaganda altra la realtà del voto e le sue implicazioni politiche.

La mobilitazione indipendentista rilanciata con vigore dal 2011 ha segnato con le elezioni di domenica un punto indubbiamente a favore della secessione.

Mulhouse, 24/9/2015
, September 24, 2015

Uno "stage" contro il radicalismo. Il Tribunale di Mulhouse, città della bassa Alsazia, ha proposto una novità nella prevenzione al fondamentalismo islamico di stampo terroristico. Se funziona, verrà applicata a tutto il Paese.

Barriere, cemento, filo spinato
Ceuta e Melilla
, September 21, 2015

Il muro delle contraddizioni. La frontiera, nella definizione che ne danno spesso gli antropologi, è uno spazio di contatto e incontro fra due realtà diverse, permeabile per definizione. Essa si oppone concettualmente al confine, che al contrario tende a separare nettamente, porre un limite fra due realtà che si vuole far rimanere distinte.