Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
L'impasse catalana / 1
Barcellona, 27/9/2017
, September 25, 2017

La più grave crisi istituzionale della Spagna democratica. Tra governo catalano e Madrid la tensione è alle stelle. La società catalana è lacerata, nelle stanze della politica madrilena l’ostilità verso l’indipendentismo allo zenit. Un manifesto firmato da circa 500 docenti universitari ha chiesto al governo di ricorrere all’«uso della forza legittima che corrisponde esclusivamente allo Stato». Lo scrittore catalano Juan Marsé,

Berlino, 25/9/2017
, September 25, 2017

Sull’orlo dell’instabilità. È da un po’ di tempo che, in Europa e non solo, gli elettori tendono a penalizzare i partiti al governo. Gli incumbents, come dicono gli anglosassoni, partono svantaggiati. Il potere logora chi non ce l’ha, diceva Andreotti. Oggi logora soprattutto chi l’ha appena esercitato.

Berlino, 18/9/2017
, September 18, 2017

I dilemmi che la campagna elettorale non ha affrontato. Almeno sino a oggi, le elezioni tedesche non hanno certo destato entusiasmo. La forza di Angela Merkel, la cui rielezione non è mai stata davvero messa in discussione, e l’incapacità di Martin Schulz di sfruttare il buon clima che si era generato inizialmente intorno alla sua candidatura, non hanno aiutato a vivacizzare il dibattito politico.

Ku Klux Klan, tra passato e presente
, September 8, 2017

L’aggressività e la ferocia dei nazionalisti bianchi e dell’alt-right in generale non è un fenomeno nuovo negli Stati Uniti. Alcuni di loro sono membri di un reviviscente Ku Klux Klan.

La maggioranza degli americani concepisce il KKK come una società segreta del Sud sorta al termine della guerra di secessione con uno scopo ben preciso: reimporre la schiavitù agli afroamericani

Berlino, 4/9/2017
, September 4, 2017

Germania, il «Tv-Duell» tra Merkel e Schulz. Alle prossime elezioni di settembre saranno chiamati a votare oltre sessanta milioni di cittadine e cittadini della Repubblica federale. I sondaggi assegnano, con un vantaggio tranquillizzante, la vittoria ad Angela Merkel