Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Washington, 8/5/2009
, May 8, 2009

Obama e la dottrina Monroe. La questione dei rapporti tra gli Stati Uniti e gli altri paesi del continente americano era passata sotto silenzio nel corso della campagna elettorale del 2008 e continua ancora a essere in buona misura trascurata nel dibattito politico statunitense. Paradossalmente è stata proprio l’influenza “messicana” a ricordare agli Stati Uniti la necessità di considerare la parte centro-meridionale del continente come un’area non priva di incognite.

Bangkok, 6/5/2009
, May 6, 2009
"Camicie rosse" su Bangkok. Di fronte alla mobilitazione delle "camicie rosse" a sostegno dell’ex premier Thaksin Shinawatra, deposto dai militari nel 2006 con l’accusa di corruzione, e del clima generale da guerra civile che si è determinato in tutto il paese,
Astana, 4/5/2009
, May 4, 2009

Il tramonto di Nazarbaev in Kazakistan. Ad Astana, e anche al di fuori dei confini del Kazakistan, sono in molti che iniziano a valutare la necessità di un ricambio generazionale alla guida del paese, considerate l’età avanzata e le cattive condizioni di salute del Presidente, Nursultan Nazarbaev.

Berna, 29/4/2009
, April 29, 2009

Anche gli svizzeri piangono. La recente decisione del governo svizzero di limitare il segreto bancario, introdotto negli anni Trenta, sembra preludere, come altri cambiamenti, ad un consolidamento della frattura politica che domina il sistema svizzero dei partiti. Essa si è determinata a partire dagli anni Novanta essenzialmente attorno alle scelte di politica estera

Singapore, 27/4/2009
, April 27, 2009

Singapore: la profezia di Krugman. Nel 1994, Paul Krugman, recente vincitore del premio Nobel per l’economia, scrisse che non c’era niente di miracoloso nella crescita economica di Singapore. La crescita economia del Paese, egli sosteneva, non era dovuta a un'accresciuta efficienza del sistema produttivo, ma a «mobilitazione di risorse che avrebbe inorgoglito Stalin».