Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Copenhagen, 3/12/2009
, December 8, 2009

Il G2 e il clima che verrà. Dal 7 al 18 dicembre 2009 Copenhagen sarà al centro dell’attenzione del mondo poiché ospiterà la quindicesima Conferenza delle Nazioni unite sul clima (COP 15). A quasi vent’anni dal primo appuntamento, tenutosi a Rio nel maggio del 1992, il vertice danese – che dovrà trovare esecuzione al Trattato di Kyoto – si presenta come il più grande vertice sul cambiamento climatico di sempre. Questa volta anche Pechino, Washington e New Delhi saranno della partita.

Dublino, 30/11/2009
, December 8, 2009

Fair Play. “Ein Trainer ist nicht ein Idiot”, disse Johann von Trapattoni nella leggendaria conferenza stampa del 10 marzo 1998 in cui accusò di lassismo diversi giocatori del Bayern Monaco, di cui era l’allenatore. La sera del 18 novembre la piccola Irlanda del Trap sembrava aver tenuto a mente quelle parole: si trovava incredibilmente e meritatamente in vantaggio per 1-0 allo Stade de France, e si stava giocando la qualificazione a spese proprio del Golia francese, pareggiando il risultato patito a Dublino due settimane prima.

Bucarest, 26/11/2009
, December 8, 2009

Autunno caldo in Romania. Lo scorso 1 ottobre il governo romeno guidato da Emil Boc è stato sfiduciato dal Parlamento. E’ la prima volta dalla caduta del comunismo che un esecutivo cade a causa di una mozione di sfiducia. A promuoverla è stato il Partito nazional-liberale, sostenuto dall’Unione democratica dei magiari, partito della minoranza ungherese. Decisivo però per l’approvazione della mozione è stato il voto favorevole di uno dei due partiti che sostenevano la coalizione al governo: il Partito socialdemocratico guidato da Mircea Geoanǎ.

Il Cairo, 23/11/2009
, November 23, 2009

La "guerra" tra Egitto e Algeria. Cairo, venerdì 8 maggio 2009: centinaia di giovani egiziani ballano e cantano in un parco della centrale isola-quartiere di Zamalek al ritmo delle melodie della cantautrice algerina Souad Massi. Sventolano bandiere algerine e l’atmosfera è di grande gioia e armonia.
Cairo, venerdì  20 novembre 2009: alle prime ore del mattino migliaia di egiziani tentano di raggiungere l’Ambasciata algerina ad appena un paio di chilometri in linea d’aria dal parco dove si era tenuto il concerto pochi mesi prima. Il corteo grida slogan antialgerini e invoca l’espulsione di tutti i cittadini algerini, a cominciare dall’ambasciatore Abdel-Khader Hadjar, dall’Egitto.

Gerusalemme, 19/11/2009
, November 19, 2009

Schede e sassi. Dopo una estate trascorsa nella fragile speranza che alla fine i dissidi interni sarebbero stati ricomposti Hamas e il Fatah, le due maggiori organizzazioni politiche palestinesi, sono tornate sul piede di guerra. Le mediazioni egiziana e giordana non sono riuscite ad avere ragione dei troppi dissensi che polarizzano, mettendoli l’uno contro l’altro, il movimento che fu di Arafat e il gruppo islamista costituito dallo sceicco Yassin.