Rivista il mulino

Content Section

Central Section

lettere internazionali
Il Cairo, 23/11/2009
, November 23, 2009

La "guerra" tra Egitto e Algeria. Cairo, venerdì 8 maggio 2009: centinaia di giovani egiziani ballano e cantano in un parco della centrale isola-quartiere di Zamalek al ritmo delle melodie della cantautrice algerina Souad Massi. Sventolano bandiere algerine e l’atmosfera è di grande gioia e armonia.
Cairo, venerdì  20 novembre 2009: alle prime ore del mattino migliaia di egiziani tentano di raggiungere l’Ambasciata algerina ad appena un paio di chilometri in linea d’aria dal parco dove si era tenuto il concerto pochi mesi prima. Il corteo grida slogan antialgerini e invoca l’espulsione di tutti i cittadini algerini, a cominciare dall’ambasciatore Abdel-Khader Hadjar, dall’Egitto.

Gerusalemme, 19/11/2009
, November 19, 2009

Schede e sassi. Dopo una estate trascorsa nella fragile speranza che alla fine i dissidi interni sarebbero stati ricomposti Hamas e il Fatah, le due maggiori organizzazioni politiche palestinesi, sono tornate sul piede di guerra. Le mediazioni egiziana e giordana non sono riuscite ad avere ragione dei troppi dissensi che polarizzano, mettendoli l’uno contro l’altro, il movimento che fu di Arafat e il gruppo islamista costituito dallo sceicco Yassin.

Tokyo, 16/11/2009
, November 16, 2009

Giappone e Russia: prove di dialogo all'ombra del Sol Levante. Hatoyama Yukio, divenuto Primo ministro nipponico il 16 settembre 2009, ha subito dichiarato di voler risolvere il contenzioso territoriale con la Russia che dura dalla fine della seconda guerra mondiale e ha impedito finora la firma di un trattato di pace tra i due paesi. L’Unione Sovietica invase la Manciuria il 9 agosto 1945,

Amsterdam, 12/11/2009
, November 12, 2009

La febbre dei tulipani olandesi. Attraverso una semplice ricerca su Wikipedia si possono individuare alcune parole chiave riguardanti i “Paesi Bassi”: bicicletta, fiumi, banche, Erasmo, mulini a vento, tulipani, Rembrandt, zoccoli, Compagnia delle Indie, spezie, il Mare del Nord, aringhe, Anna Frank, compagnie di assicurazione, formaggi, Van Gogh, Maastricht e Euro.

Mumbai, 9/11/2009
, November 9, 2009

La diaspora indiana nell’era globale. La partizione che coinvolse il subcontinente indiano nel 1947, con l’indipendenza dell’India dalla Gran Bretagna e la contemporanea separazione del Pakistan, fu caratterizzata da una migrazione di massa di dimensioni storicamente inedite, con il coinvolgimento di circa 20 milioni di persone. Da quel momento i maggiori movimenti migratori hanno interessato soprattutto i rapporti tra India e i vicini Sri Lanka, Malaysia, Myanmar e Bangladesh, traducendosi spesso nel drammatico fenomeno dei rifugiati.